Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

The Brief From Brussels: ancora poche donne nella politica europea

The Brief From Brussels: ancora poche donne nella politica europea
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Cresce timidamente la rappresentanza femminile nel nuovo Parlamento europeo, passando dal 36% al 39%. Numeri ancora lontani dalla parità di genere anche se alcuni partiti hanno cercato di seguire questo principio nelle loro liste di candidati.

Ad aiutare le donne abbattere le barriere che incontrano nei settori "dominati tradizionalmente da uomini " ci pensa Wonderful Women a Bruxelles, attraverso riviste, attività di coaching e networking, Wonderful Women. "Considero l'impegno delle donne in politica alla stregua delle posizioni apicali delle grandi multinazionali: molte pensano che invetendo molto nella vita professionale o politica, trascureranno la loro famiglia.- racconta Florence Blaimont, CEO di WoWo- La cosa positiva è che l'85% delle donne vorrebbe dedicarsi a un lavoro più in sintonia con le loro ambizioni".

Un'altra sfida è ottenere la parità nelle 4 posizioni chiave dell'UE, dove attualmente c'è solo una donna, Federica Mogherini.

Nei negoziati in corso, vi è una sola donna tra gli 11 candidati alla guida del Parlamento e del Consiglio europeo.

La lobby europea delle donne ha pubblicato il suo manifesto "Women for Europe, Europe for Women" per creare parità in tutte le istituzioni europee.

In una conferenza sui risultati delle elezioni, hanno discusso le strategie per far avanzare i diritti delle donne durante i prossimi cinque anni.

Ana Sofia Fernandes, Vicepresidente di European Womens Lobby ritiene che sia necessaria l'esistenza di un Commissario con un portafoglio dedicato all'uguaglianza tra donne e uomini. "Un Commissario con lo stesso livello di influenza politica di tutti gli altri Commissari. Ciò permetterà di assicurare che il principio dell'uguaglianza tra donne e uomini sia preso in considerazione trasversalmente in tutte le politiche dell'UE".

Per molti è anche tempo di avere una donna alla presidenza della commissione europea, dopo 60 anni di storia.

Sirpa Pietikäinen, eurodeputata finlandese eletta per la quarta volta, ritiene che ogni stato membro dovrebbe proporre in egual misura candidati uomini e donne per i posti di commissario".

"Le ragazze di solito nelle materie scientifiche hanno risultati migliori dei ragazzi, ma poi viene fatto loro credere che non dovrebbero essere brave in quell' ambito. Dobbiamo fare in modo che questo messaggio non arrivi alle ragazze, dir loro che possono fare quello che vogliono", afferma Barbara Hendricks, cantante d'opera.

Nel suo libro Cecile Maichak racconta le storie di 12 donne di successo in "ruoli dominati tradizionalmente dagli uomini", un libro per tutta la famiglia.

"Il femminismo dovrebbe rimanere tra le priorità dell'agenda politica e essere portato avanti in partnership con gli uomini: ci sono molti uomini che sostengono il femminismo, non solo le donne" Cinque dei 28 Stati membri hanno una rappresentanza di genere bilanciata al Parlamento europeo: sono Svezia (55%), Finlandia (54%), Francia (50%), Slovenia (50%), Lussemburgo (50 %).