ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Kirghizistan, la moda della chirurgia plastica per "occidentalizzare" gli occhi delle donne

Kirghizistan, la moda della chirurgia plastica per "occidentalizzare" gli occhi delle donne
Diritti d'autore
Foto: Naira Davlashyan
Dimensioni di testo Aa Aa

C'è stato un tempo in cui Alina Makhmedova passava ore a truccarsi, arrivando ad attaccarsi le palpebre con il nastro adesivo per cambiare la forma dei suoi occhi. Circa un anno fa, questa abitante di Bishkek, in Kirghizistan, si è messa in lista per un intervento di "blefaroplastica asiatica", un tipo di chirurgia plastica estetica che la farà sembrare più europea.

Dopo essersi consultata con i suoi amici, si è recata da uno specialista trovato su Instagram, dove molti chirurghi hanno profili personali in cui mettono in mostra il loro lavoro. L'operazione è così popolare che la lista d'attesa è lunga un anno e mezzo. "Ci sono molti chirurghi a Bishkek, ma per quelli che fanno bene il loro lavoro la coda è sempre lunga", dice Alina. Ha 29 anni, fa la professoressa universitaria ed è in congedo di maternità dopo il matrimonio. Ha deciso di operarsi perché gli "occhi occidentali" sono considerati lo "standard di bellezza" in Kirghizistan, dove i tratti asiatici sono molto diffusi.

Reuters / Nir Elias

"Generalmente guardiamo gli occhi, non tanto altri tratti del viso. Quando qualcuno fa dei complimenti, dice: 'Guarda, questa ragazza ha degli occhi così espressivi e profondi'. In pochi nel mio Paese ammirano la forma dell'occhio asiatico".

Makhmedova confessa di aver paura di perdere un po' della sua individualità, dopo l'operazione, ma il desiderio di avere un occhio dalla forma nuova è più forte di ogni timore. "Guardo le foto e penso, perché tutti hanno occhi così espressivi? I miei sono gli unici stretti e impercettibili. Voglio che i miei tratti siano più visibili nelle foto. Penso che cambierà la mia vita. Mi amerò di più, mi ammirerò di più", riflette guardando foto su Instagram.

I chirurghi kirghisi si fanno pubblicità su Instagram

La chirurgia plastica è un mercato in rapida crescita in Kirghizistan. Il chirurgo Isken Kachkinbayev stima che in questo Paese dell'Asia centrale, con una popolazione di sei milioni di abitanti, si eseguono più di quattromila interventi di chirurgia plastica all'anno.

La maggior parte di loro sono blefaroplastiche asiatiche. L'operazione, che costa tra i 300 e i 700 euro, viene eseguita in anestesia locale e dura circa un'ora. Il chirurgo incide la pelle della palpebra superiore e crea una piega, prima assente, sul muscolo dell'occhio. Già dopo cinque-sei giorni, il paziente potrà godere di un nuovo look.

Reuters / Nir Elias

Secondo Kachkinbayev, il numero di pazienti sta crescendo anche grazie allo sviluppo dei social network. "In passato, la gente trovava informazioni [sulla chirurgia plastica] sui siti web. Dovevi avere un computer o leggere le riviste specializzate. Ora è possibile digitare 'chirurgia palpebrale in Kirghizistan' o 'chirurgia palpebrale a Bishkek' su Instagram o Google per vedere migliaia di esempi del nostro lavoro", spiega il medico.

La moda della blefaroplastica asiatica è arrivata in Kirghizistan dalla vicina Cina e dalla Corea del Sud, ma Kachkinbayev dice che è stato nel suo paese che sono state sviluppate le prime tecniche, che sono ora utilizzate in alcuni paesi europei e americani.

"Nella nostro settore, più del 10%, forse il 15% degli specialisti sono stranieri provenienti dai paesi vicini che vengono qui ad apprendere le tecniche. I pazienti vengono da noi anche da paesi lontani. Da un lato, sono attratti da un medico specifico. Dall'altro dai nostri prezzi bassi. Qui gli interventi chirurgici sono molto più economici che in altri Paesi".

"Non abbiate paura di farvi una chirurgia plastica"

Cholpon Adzhibaeva, specialista nell'estensione delle ciglia, ha subito il suo primo intervento chirurgico per un "occhio europeo" nel 2006, quando aveva 16 anni. Si è trattato di un regalo della madre prima dell'inizio del liceo. "Avevo palpebre piccole e le mie ciglia guardavano sempre in basso. L'uso dei fermagli per ciglia mi dava molto fastidio ", ricorda Cholpon.

Non si è pentita della sua scelta. "Sono tornata a scuola un mese dopo l'intervento chirurgico quando i miei occhi erano guariti. Ero felice. Ricordo che ero seduta in classe circondata dai compagni, a farmi domande", continua.

Dopo alcuni anni, la palpebra dell'occhio destro era tornata quasi piatta e ha deciso di ripetere l'operazione. "Anche molti di coloro che mi guardano vogliono farsela. La scelta è libera, non abbiano paura, che lo facciano".

I motivi della crescente popolarità di questo intervento nell'ex Stato sovietico

Mentre nelle grandi città come Bishkek o Osh, la chirurgia plastica è più accessibile e più donne si decidono a farsi operare, secondo alcune Ong l'influenza di gruppi religiosi è in progressiva crescita nelle zone rurali e nei villaggi kirghisi. Qui, qualsiasi cambiamento d'aspetto è considerato "haram" - un tabù della religione islamica.

Secondo Jyldyz Kuvatova, coordinatrice di UN-Women in Kirghizistan, la popolarità della chirurgia plastica è stimolata da un fiorente mercato dei servizi e prodotti di bellezza, il quale a sua volta è alimentato dalla povertà: "C'è disoccupazione, molte giovani ragazze hanno un'istruzione secondaria e vanno nei saloni di bellezza. La chirurgia plastica aiuta a far crescere questo tipo di mercato", commenta Kuvatova.

Adattarsi ai canoni di bellezza occidentali per fuggire la povertà

Secondo le statistiche ufficiali, nel 2017 in Kirghizistan 1,5 milioni di persone, più del 25% della popolazione, viveva al di sotto della soglia di povertà. Per molte donne kirghise il matrimonio è l'unico modo per uscire dall'indigenza: ritengono che un paio di occhi meno asiatici le aiuterà a trovare più facilmente marito.

Reuters / Vladimir Pirogov

Gli specialisti dei diritti umani affermano che l'istituto della famiglia tradizionale coltiva nelle donne il desiderio di conformarsi ai canoni di bellezza generalmente accettati, e l'aspetto europeo è ancora considerato qui come un segno di alto status e di ricchezza.

La psicologa Laura Omuralieva ritiene che cambiare per conformarsi ai canoni di bellezza diffusi sia una tendenza globale. "Se guardiamo più a fondo, però, il problema è che le donne non si accettano".