ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lituania al voto per le presidenziali

Lituania al voto per le presidenziali
Dimensioni di testo Aa Aa

Urne aperte in Lituania per eleggere il futuro presidente del Paese. Nove i candidati in corsa ma di questi solo tre sono quelli che hanno una chance di diventare capo di Stato.

Nel Paese tendenzialmente europeista, che arriva al voto con un'economia in crescita, lascia la presidente Dalia Grybauskaite, una delle leader europee più critiche nei confronti della Russia. Grybauskaite ha ancora un gradimento molto alto, ma non è rieleggibile perché ha già portato a termine due mandati.

I candidati favoriti

Tra i papabili ci sono lngrida Simonyte, ex ministro delle finanze, conservatrice, popolare nei centri urbani. Simonyte, 44 anni, forte del gradimento dei giovani, su posizioni eticamente liberali, è la favorita alla successione con un consenso, negli ultimi sondaggi, intorno al 22 %.

Nel terzetto di testa dei candidati alla presidenza c'è poi il primo ministro in carica Saulius Skvernelis, populista, governa a capo di una coalizione tra l'Unione dei Contadini e Verdi e il Partito laburista socialdemocratico. In Lituania il 30 % della popolazione è a rischio povertà, nelle campagna i numeri raddoppiano ed è su questi elettori che punta Skvernelis.

Altro sfidante, l'economista indipendente Gitanas Nauseda, ex banchiere propone agli elettori un welfare più forte e la riduzione del divario tra ricchi e poveri. In Lituania il 30 % della popolazione è a rischio povertà e la situazione è molto più critica nelle campagne.

Il secondo turno delle presidenziali si terrà tra 15 giorni, in coincidenza delle europee.