ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Le nuove tecnologie che cambiano l'agricoltura

Le nuove tecnologie che cambiano l'agricoltura
Dimensioni di testo Aa Aa

Quando la tecnologia può essere un valido aiuto per chi lavora la terra. Mentre gli agricoltori colombiani lottano contro i cambiamenti climatici, in questa edizione di Global Japan vi mostriamo come i ricercatori giapponesi e una società privata stanno aiutando queste persone ad aumentare la produzione di riso utilizzando meno acqua.

Siamo andati alla scoperta di centro di ricerca a Saldaña, dove ricercatori colombiani e giapponesi stanno sviluppando e testando nuovi tipi di riso, più resistenti alla siccità e alle malattie. Insieme alla società giapponese "PS Solutions", supportata dalla "Japan International Cooperation Agency", (JICA), gli agricoltori colombiani stanno utilizzando un sistema chiamato “e-kakashi” che utilizza la tecnologia mobile, app e l'Internet of Things per monitorare le condizioni del terreno come temperatura e umidità.

Per capirne di più, siamo stati in una fattoria vicino a Ibagué, dove viene prodotto un riso sviluppato in laboratorio, senza acqua e fertilizzanti. I nostri agricoltori dicono che questa nuova coltura, insieme all'agro-tecnologia sviluppate con i giapponesi, stanno rendendo il lavoro meno complicato, aiutandoli a far fronte alle condizioni climatiche estreme.

In questo reportage vedremo poi come tutta la regione sta affrontare la siccità in estate e le forti piogge che impediscono la piantagione, grazie a un approccio tecnico che rendere la coltivazione più efficiente.

Nella capitale Bogotà abbiamo incontrato la direttrice tecnica del programma di “Fedearroz”. Secondo la Federazione Colombiana dei coltivatori di riso, il lavoro con i ricercatori giapponesi ha contribuito a rendere il settore più produttivo e più competitivo per incrementare il commercio internazionale. Il programma è solo un esempio dei legami centenari tra i due paesi. Commercio e investimenti: due fattori che svolgono un ruolo importante tra Colombia e Giappone, nell'ambito dell'accordo di libero scambio.