Brexit: i laburisti chiedono un secondo referendum

Brexit: i laburisti chiedono un secondo referendum
Diritti d'autore 
Di Stefania De Michele
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nel caso il Parlamento respingesse l'unione doganale.

PUBBLICITÀ

Corbyn prende posizione sulla Brexit.

Jeremy Corbyn, il Temporeggiatore, esce allo allo scoperto. Lo fa dopo l'abbandono dei suoi deputati, seguito alla fronda degli otto ribelli che lo accusavano - oltre che di antisemitismo - di non prendere una posizione netta sulla Brexit.

Adesso **il leader del partito laburista ha annunciato di schierarsi a favore di un secondo referendum sulla fuoriuscita dall'Unione Europea se il Parlamento dovesse respingere il piano B del Labour.
**

I laburisti e il piano B.

La proposta alternativa, sponsorizzata da Corbyn, prevede l'unione doganale permanente, che piace molto anche a Bruxelles.

Nel caso l' emendamento venisse respinto, la roadmap del dissenso aprirebbe all'ipotesi di una seconda consultazione referendaria. A poco più di un mese dalla scadenza Brexit, fissata per il prossimo 29 marzo, la partita è dunque aperta.

Obiettivo comune: scacciare l'incubo "no deal".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Finanziamenti per i Comuni impattati dalla Brexit

Brexit: serve una proroga, anzi no

Brexit: ministri contro il "no deal", minacciano dimissioni