Piccole e medie imprese ucraine crescono, grazie ai prestiti garantiti dall'Ue

Piccole e medie imprese ucraine crescono, grazie ai prestiti garantiti dall'Ue
Dimensioni di testo Aa Aa

Facilitare l'accesso al credito per le piccole e medie imprese è vitale per l'occupazione e la crescita. In Ucraina è quello che stanno facendo le garanzie sui prestiti dell'Unione europea.

Ruslan Spivak, di Raiffeisen Bank Aval, aiuta le pmi ad accedere ai finanziamenti. Ci spieghi che quest'iniziativa europea rende più facile per banche come la sua concedere prestiti: "Oggi solo il 6 per cento delle pmi ucraine ha accesso ai finanziamenti, una cifra estremamente bassa, che possiamo triplicare grazie al programma della Banca europea per gli investimenti".

​Andiamo a vedere una pmi che ne ha approfittato al meglio: Polissia-2002 è una ditta ucraina in espansione specializzata nell'esportazione di legname. Creata nel 2014, produce fino a 2.000 metri cubi di tavole di pino al mese. L'azienda ha ottenuto due prestiti per un totale di un milione di euro da Raiffeisen Bank Aval, ma anche grazie a Oschadbank, Ukrgasbank and Procredit bank e a una garanzia di credito della Banca europea per gli investimenti. Soldi che sono stati ben investiti, ci dice uno dei proprietari, Yaroslav Bayev: "Questi prestiti hanno permesso alla nostra azienda di salire di livello: abbiamo costruito un nuovo magazzino, dove ci troviamo ora, abbiamoinstallato nuovi essiccatoi, e abbiamo avviato una nuova linea di taglio".

​Grazie ai nuovi essiccatoi made in Italy, Polissia è ora in grado di essiccare 1.500 metri cubi di legno al mese. Oggi il 90 per cento della produzione è destinata all'esportazione, verso Unione europea, Asia e Medio oriente. Yaroslav ringrazia l'Ue: "Oggi il settore a livello mondiale è molto competitivo, ci siamo dovuti evolvere molto rapidamente. Grazie a questi prestiti, abbiamo potuto raggiungere un nuovo livello".

Grazie ai finanziamenti europei, gli istituti di credito possono estendere nuovi prestiti, offrendo condizioni migliori alle pmi ucraine, in particolare sotto forma di requisiti di garanzia ridotti.

Ma quali aziende hanno diritto a questo tipo di supporto? "Finanziamo pmi con un business model trasparente e finanziariamente solido - risponde Ruslan -, ma a cui possono mancare i requisiti di garanzia. Puntiamo a sostenere i produttori locali che hanno una strategia innovativa e legata alle esportazioni. In Ucraina al programma partecipano quattro banche, quindi è possibile informarsi in qualsiasi filiale di queste banche in tutto il paese".

Nella primavera del 2014 la Commissione europea ha annunciato un pacchetto di 11 miliardi di euro a sostegno dell'Ucraina, che include un finanziamento di 3 miliardi di euro di investimenti della banca dell'Ue nel periodo 2014-2016, raddoppiando di fatto l'impegno della Bei in Ucraina.