ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Brexit: May presenta il piano B

Brexit: May presenta il piano B
Dimensioni di testo Aa Aa

Un piano B dopo la bocciatura dell'accordo tra Bruxelles e Londra. Lo presenta oggi alla camera dei comuni la prima ministra britannica Theresa May mentre a latere diversi fronti politici anche trasversali si muovo ognuno col suo obiettivo: ritardare Brexit, evitare una Brexit senza un piano e chissà cos'altro.

Da qui l'avvertimento del ministro del commercio: Liam Fox che ha detto: "C'è una popolazione che è per l'uscita dall'Unione e un parlamento che è per restare. Il parlamento non ha il diritto di deviare il processo di Brexit perché si impegnato col popolo. Ma oggi stiamo vedendo che alcuni tra quelli che si sono sempre opposti a Brexit cercano di dirottarla e di rubare al popolo il risultato del referendum".

Il riferimento è in particolare al tory anti Brexit Dominic Grieve che architetta di riportare al parlamento il controllo del processo di uscita per evitare una Brexit no deal. Per altri l'unica soluzione è posticipare l'uscita dall'Unione.

Keir Starmer, laburista, ministro ombra per la Brexit, ha detto: "Non voglio vederci uscire senza un progetto e se questo significa ritardare l'articolo 50, sono aperto alla soluzione".

Il tempo stringe per un accordo su Brexit, ma i gruppi parlamentari alla camera dei comuni procedono ancora in ordine sparso con i parlamentari che finora hanno trovato una maggioranza schiacciante solo quando si è trattato di bocciare il piano concordato tra Londra e Bruxelles. Chissà quale sarà il destino del piano b, oggi presentato e al voto il 29 gennaio.