Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Romania, analisi di una crisi infinita

Romania, analisi di una crisi infinita
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

La Romania si trova ad affrontare una crescente crisi politica e questo pochi giorni prima che il paese assuma la presidenza di turno dell'Unione Europea. Il parlamento è chiamato a votare una mozione di sfiducia contro il governo presentato dall'opposizione, nel frattempo, l'esecutivo di sinistra sta cercando di far passare un controverso decreto che perdonerebbe i politici corrotti, preparando il terreno a nuove proteste di massa e un nuovo scontro con Bruxelles.

Liviu Dragnea, leader del PSD
"Chiunque trovi altre misure legali piuttosto che l'amnistia e il perdono per riparare tutte le ingiustizie e tutti gli abusi da parte della magistratura, avrà il mio sostegno. Se non ci sono tali misure, allora è il caso di smettere di trattare"

È una situazione di stallo, quindi, che minaccia di far precipitare il paese in una crisi politica a tutto campo.

Florin Citu, leader Partito Liberale
"L'attuale governo oggi è quello che, nonostante le sue azioni, sta spingendo la Romania fuori dall'Unione Europea e ha preso in giro i valori europei. Dobbiamo fermare questo, ed è nostro dovere farlo ora ".

Dan Barna, Leader USR
"Continuare a destabilizzare lo stato di diritto e il funzionamento della giustizia coprirà completamente qualsiasi tipo di prestazione che realizzeremo in questa presidenza del Consiglio dell'Unione europea".

Poco dopo aver vinto le elezioni, due anni fa, la coalizione di governo ha tentato di revisionare le leggi anti-corruzione, scatenando le più grandi proteste di piazza che la Romania abbia mai visto dalla sua rivoluzione nel 1989. Sotto la pressione dei leader dell'Unione Europea, i socialdemocratici hanno rinviato l'iniziativa di amnistia fino ad ora, ma hanno innalzato la retorica anti-Bruxelles. Lo scontro tra la tradizionale prospettiva europeista della popolazione e la posizione anti-UE del governo potrebbe destabilizzare l'intera regione.

Cristian Diaconescu, analista politico
"Sono sicuro che il sostegno dello spirito europeista verrà automaticamente dall'opinione pubblica e dalla pressione della nazione rumena, mentre la Federazione russa non ha mai nascosto il fatto che l'allargamento dell'UE, l'allargamento della NATO, l'idea che la NATO sia ora nel processo di circondare la Russia, sono considerate a Mosca come decisioni politiche che devono essere affrontati da loro ".

La Commissione europea ha messo sotto osservazione il sistema giudiziario romeno e ha avvertito Bucarest di non intraprendere iniziative che possano rimettere in libertà i condannati per corruzione.

Intanto cresce il timore di nuovi scontri di piazza