ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il ritorno a casa dei ballerini cubani

Lettura in corso:

Il ritorno a casa dei ballerini cubani

Il ritorno a casa dei ballerini cubani
Dimensioni di testo Aa Aa

Cinque noti "disertori" del Balletto Nazionale Cubano sono saliti sul palco a L'Avana, come simbolo di riconciliazione tra Cuba e i suoi milioni di espatriati ed esuli in giro per il mondo. Per molti anni i ballerini sono stati banditi in patria, una punizione verso i cittadini che hanno lasciato il Paese illegalmente. Ma ora sono di nuovo qui, per partecipare al 26esimo Havana International Ballet Festival.

''Immagina: cosa proveresti a tornare a casa dopo 15 anni? A ritornare da tuo padre, dalla tua compagnia, dove hai imparato tutto... Era davvero tutto per me", dichiara Daniel Sarabia, ballerino.

"Possiamo ammirare questi ballerini con le loro nuove idee coreografiche", spiega Miguel Cabrera, storico. "E loro possono tornare a casa, al Balletto Nazionale di Cuba".

''Stiamo parlando di arte, di danza, non abbiamo nulla a che fare con la politica, noi", racconta Taras Domitro, ballerino. "Vogliamo solo ballare ed è un onore ritornare nella nostra città, nel nostro Paese e ballare per un pubblico così esigente come questo".

Le stelle della danza cubana iniziarono a tornare quando le tensioni tra Cuba e Stati Uniti si allentarono, a fine 2014. E non hanno più smesso, neanche dopo il nuovo raffreddamento nelle relazioni, con l'arrivo di Donald Trump alla Casa Bianca.

Altro da Cult