Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.

ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

TAP, il gasdotto che imbarazza il M5S si farà

TAP, il gasdotto che imbarazza il M5S si farà
Dimensioni di testo Aa Aa

Un'opera controversa, un gasdotto già completato all'80% e che, ormai si sa, arriverà a termine. Approderà in Puglia, a San Foca e porterà in Italia 10 miliardi di metri cubi di gas azero ogni anno, il fabbisogno di 7 milioni di famiglie.

Il Movimento 5 stelle ha dovuto tradire le promesse elettorali, cedere di fronte al rischio che Roma dovesse pagare circa 30 miliardi di risarcimenti e infine dire sì al TAP.

Cos'è il TAP

Un'opera monster: 878 km di gasdotto, di fatto la prosecuzione di un'infrastruttura già esistente, il TANAP, che corre dal Mar Caspio ai confini tra Grecia e Turchia, a Kipoi.

Attraverserà il mare Adriatico e il sito di stoccaggio sarà in Puglia.

L'opera, finanziata anche con fondi europei, essenzialmente nasce per differenziare le fonti di approvvigionamento, leggi emanciparsi dal gas russo e algerino, ma ha molti detrattori.

Tra questi diversi sindaci locali e il Movimento 5 stelle che ora afferma con il ministro per il sud Barbara Lezzi: "è un grande dolore ma è impossibile fermare l'opera".

TAP, le ragioni del no

Le ragioni del no sono diverse: costruire il TAP non servirà a rilanciare l’economia, anzi; è un'opera inutile perché i consumi di gas diminuiranno; è un'opera che mette a rischio il paesaggio marino, le coltivazioni di ulivi e il turismo nella zona.

Contestazioni accolte in qualche modo dal presidente della regione puglia Michele Emiliano che chiede di spostare più a nord l'approdo. Ma ormai le navi sono già all'opera nell'adriatico pronte a immergere i tubi al largo della costa albanese. E nessuno le fermerà.