ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Romania: Europarlamento richiama al rispetto dello Stato dirittto

Lettura in corso:

Romania: Europarlamento richiama al rispetto dello Stato dirittto

Romania: Europarlamento richiama al rispetto dello Stato dirittto
Dimensioni di testo Aa Aa

Continuano a Bucarest le azioni contro la corruzione e la discussione sul rispetto dello Stato di diritto da parte del Governo rumeno.

La Romania è nel mirino dell'Unione europea. Le recenti riforme del sistema giudiziario hanno preoccupato le istituzioni europee, sollevando numerose proteste nell'ultimo anno.

Per il Consiglio d'Europa, queste riforme indebolirebbero il corretto funzionamento del sistema giudiziario, favorendo abusi, corruzione, reati, violenza e incrementando il crimine organizzato.

Il Segretario esecutivo dellaVenice Commission, Thomas Marker, ha osservato in un'intervista cn Euronews che - "L'abuso d'ufficio è punibile solo se comporta guadagni per te o i membri della tua famiglia. Non è punibile invece se lo usi affinchè anche i tuoi amici ne traggano profitto. Quindi, se incorri in abuso e tua moglie ci ricava, sei punito. Se, invece, a trarne beneficio è una tua amica, allora non sei perseguibile."

Il Presidente rumeno, Klaus Iohannis, è stato all'Europarlamento a Strasburgo per condividere la la visione sul futuro dell'Europa. Una presenza che molti eurodeputati hanno considerato un'opportunità per la Romania di esibire le credenziali europeiste di Bucarest, in vista delle Elezioni europee di maggio 2019.

"Nel 2019, assisteremo a una lotta per la democrazia liberale, contro la tendenza di alcuni Paesi, per lo piu quelli dell'Est europeo, a percorrere la strada dell'autocrazia illiberale" - ha affermato a Strasburgo il parlamentare europeo Guy Verhofstadt, esponente belga del Gruppo dei Liberali - Come già accaduto nel 1989, la Romania deve svolgere un ruolo importante impegnandosi a vincere questa lotta." - ha continuato l'eurodeputato.

Il Presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, ha auspicato di poter vedere l'entrata della Romania nell'Area Schengen prima della fine del suo mandato al vertice dell'esecutivo Ue.

Perché ciò accada” - ha affermato Juncker in un tweet - “chiedo un consenso nazionale in Romania per sostenere lo Stato di diritto, e combattere la corruzione".

A gennaio 2019, la Romania assumerà la Presidenza dell'Unione europea. Prima di quella data, la Commissione europea spera di poter aprire un nuovo dialogo con Bucarest.

Da quando i socialdemocratici hanno conquistato il potere nel 2016, i rumeni hanno continuato a protestare contro le mosse del Governo per introdurre nuove leggi che gli opinionisti ritengono anticostruttive nella lotta della nazione contro la corruzione.