ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Black Mirror, la realtà riflessa attraverso lo specchio deformante della satira sociale

Lettura in corso:

Black Mirror, la realtà riflessa attraverso lo specchio deformante della satira sociale

Black Mirror, la realtà riflessa attraverso lo specchio deformante della satira sociale
Dimensioni di testo Aa Aa

Arriva alla Saatchi Gallery di Londra "Black Mirror". Non la serie, ma una mostra in 170 opere che si ispira allo stesso principio: mettere in scena un cupo riflesso del mondo contemporaneo. Spiega la direttrice della galleria Philippa Adams: "'Black Mirror, arte come satira sociale' ci è sembrato il titolo perfetto per riunire un collettivo di artisti che hanno lavorato negli ultimi vent'anni riflettendo, come uno specchio, sulla società. Molte di queste opere hanno uno sguardo e un'interpretazione scherzosa delle ansie, delle riflessioni attraverso la storia, delle situazioni politiche..."

Nella sua intricata opera "Not a Plan Has Gone Astray", Dominic McGill rappresenta le molte ideologie emerse dagli attentati dell'11 settembre. I riferimenti ai recenti conflitti e ai leader politici del passato si mescolano a citazioni filosofiche e caricature che puntano a denunciare gli eccessi del neoliberismo.

"Quando abbiamo concepito questo progetto una delle intenzioni era di realizzare una sorta di panorama storico - racconta l'artista -, come è stato fatto per la battaglia di Gettysburg o la storia della Bibbia. Allora abbiamo preso elementi disegnati, elementi di testo e li abbiamo messi insieme per cercare di creare un quadro della storia contemporanea".

E un elemento fondante della storia contemporanea è sicuramente internet, il cui lato oscuro è esplorato da James Howard in un'installazione composta da 46 stampe digitali realizzata nel 2007.

"Se vogliamo cercare di trovare il nostro posto nell'universo - dice Howard -, possiamo vedere internet come un modo molto diretto di arrivarci, perché abbiamo tutte le espressioni del comportamento umano a portata di mano. Anni fa internet era molto diverso. Non c'erano buoni filtri antispam e io ho potuto avere accesso ad alcuni incredibili posti su internet e raccogliere tutto questo materiale. C'erano vette follemente belle e abissi terrificanti. Ora è molto lineare, un po' noioso, ma all'epoca ho voluto raccogliere elementi che si trovavano agli estremi, perché possono dirci molto di noi stessi".​

"Black Mirror, arte come satira sociale", è in scena alla Saatchi Gallery fino al 13 gennaio. Ingresso libero.

Altro da Cult