Maternità surrogata: l'ambasciata spagnola di Kiev riceverà le famiglie bloccate senza documenti

Maternità surrogata: l'ambasciata spagnola di Kiev riceverà le famiglie bloccate senza documenti
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Verso una soluzione il caso delle famiglie spagnole bloccate a Kiev senza documenti per i loro neonati. A Lima ordinato l'esame del dna su una coppia accusata di traffico di esseri umani per aver provato a uscire dal paese con due neonati nati grazie alla gestazione di una donna diversa dalla madre.

PUBBLICITÀ

Le prime famiglie delle trenta bloccate da due mesi in Ucraina senza passaporto per i loro neonati avuti attraverso la maternità surrogata, saranno ricevuti dall'ambasciata spagnola di Kiev lunedi prossimo. Espleteranno le pratiche per riconscimento della paternità e l'iscrizione al registro dei nuovi nati, interrotte il 5 luglio perche la Spagna non riconosce la nazionalità ai nati per gestazione surrogata, pratica legale in Ucraina.

Intanto in Peru l' autorità giudiziaria ha ordinato il test del dna su una coppia di cileni arrestati all'aeroporto di Lima mentre cercavano di tornare in Cile con due bambini nati da maternità surrogata. I due, in carcere da lunedi, sono accusati di traffico di esseri umani e rischiano fino a 25 anni, sebbene l'esame del dna chiarirà il legame di parentela tra genitori e figli. La massima corte peruviana ha chiarito che la maternità surrogata non è vietata nel Paese e che la decisione sul test è stata presa alla luce del diritto del minore a una famiglia.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cambogia: condanne per maternità surrogata

Focus sulla maternità surrogata in Europa

Guerra in Ucraina: rotazione dei battaglioni, premiati alcuni soldati a Kiev