EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Cannes 2018, c'è molta Italia tra i vincitori

la foto finale sul red carpet accompagnata dalle note di Sting e Shaggy
la foto finale sul red carpet accompagnata dalle note di Sting e Shaggy Diritti d'autore REUTERS
Diritti d'autore REUTERS
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Hirozaku Koreeda vince la 71esima Palma d'oro. Ma sul podio anche i film di Garrone e Alice Roharwacher

PUBBLICITÀ

I rumors volevano che, con la direzione di cate Blachett, la palma d'oro sarebbe andata a una donna, ma a vincere questo 71esimo festival di Cannes è stato il giapponese Hirokazu Kore-eda con il suo Shoplifters (Un affare di famiglia, nella versione italiana), delicato ritratto dell'amicizia tra una ragazza abusata e la sgangherata famiglia che la accoglierà. Ma lo spazio per la denuncia non è comunque mancato: "nel 1997 - ha ricordato Asia Argento, paladina del movimento anti-molestie #metoo - fui stuprata qui a Cannes da Harvey Weinstein. Avevo 21 anni e questo festival era il suo terreno di caccia. Voglio fare una previsione: Weinstin non sarà mai piû il benvenuto qui".

Il premio per la miglior interpretazione femminile è andato all'attrice kazaka Samal Yeslyamova premiata per il suo ruolo in Ayka, del regista russo Sergey Dvortsevoy. Mentre un grande riconoscimento per l'Italia è stato il premio per il miglior attore, andato a Marcello Fonte per la sua interpretazione in Dogman di Matteo Garrone, vagamente ispirato alla cruda vicenda del canaro della magliana.

"Il cinema è la mia famiglia - ha detto l'attore, emozionato, prendendo il premio dalle mani di Roberto Benigni - ogni granello della sabbia di Cannes è una meraviglia. Grazie a Matteo che si è fidato che ha avuto il coraggio.''.

E il Grand Prix invece Spike Lee - premiato per il suo BlacKkKlansman, la storia di un poliziotto afroamericano infiltrato nel Ku klux klan - lo ha ritirato "a nome di tutti gli abitanti della Repubblica di Brooklyn, New York.

Il premio per la migliore regia del festival va al film Zimna Wojna di Pavel Pawlikowski, mentre quello per la migliore sceneggiatura va ex aequo all'italiana Alice Roharwacher per Lazzaro felice e Jafar Panahi per Three Faces

REUTERS
Il regista americano Spike Lee ritira il premio "a nome della repubblica di Brooklyn, New York"REUTERS

Una palma d'oro speciale e' stata assegnata a Le Livre d'image di Jean Luc Godar.

Il premio Camera d'or del 71/mo festival di Cannes va al film Girl del fiammingo Lukas Dhont.

E a chiuderer questa edizione, Sting e la star giamaicana del reggae Shaggy cantando sul red carpet "Message in a bottle" il classico che Sting scrisse nel 1978 con i Police. Tutta la giuria e i premiati sono usciti sulla Montee ballando sui ritmi in levare, consegando ai reporter una foto di gruppo di grande impatto, con Spike Lee e la giurata del Burundi Kadhia Nin a svettare con il pugno chiuso

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cannes, misure eccezionali per la proiezione di 'Solo: a star war story'. Sul red carpet le Storm Trooper

Cannes: il cinema europeo cresce e con lui anche i suoi 'fratelli minori'

Cannes, parte la 77esima edizione del Festival: possibili polemiche su #MeToo, Gaza e Ucraina