Usa: le nuove confidenze di Trump a Comey nella mani del Congresso

Usa: le nuove confidenze di Trump a Comey nella mani del Congresso
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Dipartimento di Giustizia ha trasmesso le memorie scritte dall'ex capo dell'FBI prima del licenziamento

PUBBLICITÀ

Donald Trump aveva "serie riserve" circa la capacità di giudizio del suo consigliere per la Sicurezza nazionale, Michael Flynn, che pure, secondo James Comey, cercò di salvare dalle indagini dell'FBI.

È uno degli elementi di novità che emergono dalle memorie del "superpoliziotto", appena inviate dal Dipartimento di Giustizia al Congresso.

Il documento, redatto prima che l'ex numero dell'FBI fosse licenziato dal Presidente nel maggio 2017, nel pieno delle investigazioni sul Russiagate, riporta conversazioni confidenziali avvenute tra i due, in parte già raccontate nel libro di Comey appena uscito.

Le sue memorie dimostrano chiaramente che le investigazioni non vennero ostacolate e che, per di più, Comey fece uscire informazioni riservate, ha twittato Trump concludendo: "Continuerà questa caccia alle streghe?".

Negli scritti di Comey non mancano anche aneddoti hard, come quello di Vladimir Putin che disse al tycoon: "Abbiamo le prostitute più belle del mondo".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni USA: le conseguenze della vittoria di Trump alle primarie repubblicane in New Hampshire

Mike Johnson è candidato alla Camera Usa: quarto tentativo di porre fine al caos repubblicano

USA: lo spuntino di Joe