Iran, per la prima volta in passerella sfilano modelli con disabilità

Iran, per la prima volta in passerella sfilano modelli con disabilità
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

La creatrice della linea vuole generare dibattito sulla difficoltà di reperire capi d'abbigliamento adatti alle esigenze di chi ha una disabilità. Spera di replicare l'evento anche a Londra o Parigi

PUBBLICITÀ

Per la prima volta si è tenuta a Teheran una sfilata di moda che ha avuto come protagonisti dei modelli con disabilità.

Durante l'evento sono stati introdotti più di 50 capi d'abbigliamento destinati a persone affette da oltre 15 tipi di malattie che provocano disabilità o mobilità limitata. Oltre ai problemi fisici, gli individui con disabilità lamentano una mancanza di attenzione da parte delle case d'abbigliamento alle loro esigenze.

Anche semplici movimenti possono portare alla lacerazione di un tessuto non pensato per essere indossato da una persona con disabilità.

"Fare shopping alla ricerca di abiti adatti è difficile soprattutto per i bambini in carrozzina", dice a euronews Mahri Zakeri, modella con disabilità.

"Ho prodotto diversi design: ne sono scaturiti 50 modelli che abbiamo cucito per la sfilata", riferisce Mahboubeh Rahimian, fondatrice del brand Mahboub-e-tehran. Da 19 anni lavora nel settore. "Il cotone è il materiale migliore per le nostre esigenze". I modelli non hanno restrizioni di vestibilità e sono fatti per tutte le età.

"Abbiamo 42 modelli, 15 ragazzi e 27 ragazze. L'entusiasmo dei ragazzi è enorme", aggiunge Rahimian. Spera che un giorno possano sfilare sulle passerelle di Londra e Parigi. "Ma abbiamo davvero bisogno del supporto pubblico e delle organizzazioni della società civile".

Foto di Sahar Nojoumian

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Transgender in Iran: riconosciuti legalmente ma emarginati socialmente

È morto Roberto Cavalli, lo stilista fiorentino aveva 83 anni

Moda, commissariata la Giorgio Armani Operations: accuse di caporalato a opifici in Lombardia