EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Italia, lo spettro del ritorno alle urne

Italia, lo spettro del ritorno alle urne
Diritti d'autore 
Di Antonio Michele Storto
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Stando a un recente sondaggio Ipsos, un italiano su due è convinto che i seggi si riapriranno molto prima del previsto

PUBBLICITÀ

Le urne si sono chiuse da poco più di una settimana, e già sull'italia inizia ad aleggiare lo spettro del ritorno al voto. Su questa ipotesi - stando a un sondaggio commissionato da La7 all'istituto di ricerca Ipsos - è pronto a scommettere il 51 per cento degli italiani, secondo i quali i seggi potrebbero tornare a riaprirsi molto prima del previsto. 

Dopo la direzione del Pd, in effetti, la rosa delle possibili alleanze appare drasticamente ridimensionata: l'unico spiraglio lasciato aperto dai democratici è quello di un governo di scopo a cui partecipino tutte le forze politiche, Un'ipotesi respinta tanto da Salvini che dai 5 stelle,che un italiano su tre - sempre secondo il recente sondaggio Ipsos - vorrebbe vedere alleati al governo

A non essere molto d'accordo in questo caso, sono Forza Italia e Fratelli DItalia: a dirlo chiaramente è il presidente dell'Europarlamento e candidato forzista Antonio Tajani, che Silvio Berlusconi avrebbe voluto premier. "Non esiste un'ipotesi di governo Lega-M5S - ha dichiarato Tajani - perché moltissimi deputati della Lega, tutti quelli eletti nei collegi, sono deputati eletti anche con i voti di Forza Italia, Fratelli d'Italia e di Noi per l'Italia, quindi hanno un vincolo anche con questi elettori e sono sicuro che un governo Lega-M5S non ci sarà. Si tratterebbe di una scelta che tradirebbe gli impegni presi, non accadrà".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

A Fico e Casellati le presidenze delle Camere

Elezioni 2018, chi sale e chi scende: impennate di Lega, FdI e destra radicale

Il giorno dopo: Bruxelles digerisce le elezioni italiane