ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Dalla Siria all'Italia grazie al corridoio umanitario

Dalla Siria all'Italia grazie al corridoio umanitario
Dimensioni di testo Aa Aa

Trenta siriani, molti bambini, sono arrivati dal Libano all’aeroporto di Roma-Fiumicino grazie al corridoio umanitario. È questo il primo sbarco legale del 2018. Invece di rischiare la vita su un barcone, questi profughi si sono affidati alla associazioni cattoliche e protestanti che hanno organizzato il loro arrivo con un visto umanitario. Un esperimento che adesso si è esteso anche alla Francia e al Belgio.

Maher e gli altri: in Italia per curarsi e sperare in un domani migliore

Maher è arrivato con la moglie e 5 figli, uno di questi con una grave malattia alle ossa. "In Libano era molto difficile curarsi - ci racconta -. Se non hai soldi rimani indietro e noi non ne avevamo. Vivevamo in quartiere popolare di Tripoli in una casa con tante altre persone senza mobili. Lì è difficile avere abitazioni dignitose, è difficile pagare l'affitto e di conseguenza mandare i bambini a scuola. È un circolo senza fine".

Siria senza speranze: "Non c'è un posto senza violenza e terrorismo"

Nawras racconta invece di aver già provato in passato a lasciare la Siria. "Siamo scappati due volte - ci dice -: la prima da Damasco. Quando è scoppiata la guerra siamo andati nel sud della Siria, nella nostra città, ma poi abbiamo dovuto lasciare anche quella, a causa della difficile situazione economica e della vicinanza all'ISIL". A fargli eco è Kitah, che al suo Paese non sembra lasciare speranze: "In Siria - dice lapidaria - non c'è un posto senza violenza o terrorismo".

Basema è poi venuto in Italia con la moglie e i suoi due figli di 3 e 5 anni. Lui, invece, la speranza non la perde. E se gli chiediamo del futuro, ci risponde così: "Quando in Siria terminerà tutto, forse ci ritorneremo".