ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Festival del ciema di Les Arcs: spazio ai talenti

Lettura in corso:

Festival del ciema di Les Arcs: spazio ai talenti

Festival del ciema di Les Arcs: spazio ai talenti
Dimensioni di testo Aa Aa

Festival di Les Arcs: spazio ai talenti

E’ uno degli eventi più attesi per i registi emergenti e non solo. E’ il Festival del Cinema Europeo di Les Arcs, in corso dal 16 al 23 dicembre, nella famosa stazione sciistica francese. La manifestazione con il tempo è diventata punto di ritrovo per i talenti cinematografici emergenti in Europa.

Molti vengono a Les Arcs per vedere i film, ma questo evento attrae anche parecchi addetti al settore in cerca di una partnership per progetti futuri, per co-produzioni, una parte importante del festival, come ci spiega anche la produttrice tedesca Jamila Wenske. “Freedom”, il film prodotto dalla Wenske, è stato proiettato nella sezione “German Film Focus”. La produttrice grazie al consenso di pubblico e critica, è riuscita a raccogliere fondi per il prossimo progetto. “Les Arcs è famoso per dare ai progetti un marchio di qualità, aiuta sia i produttori che i registi a far conoscere i progetti a livello europeo perché qui si incontrano molte persone. Produttori famosi e finanziatori, rappresentanti delle emittenti televisive, è una nicchia di settore”, ha dichiarato la Wenske.

Cinema indipendente e nomi noti

Tra i giurati di quest’anno, il regista ungherese Laszlo Nemes. Il suo film d’esordio Son of Saul è nato qui e ha vinto diversi premi tra cui un Oscar come miglior film in lingua straniera. “La storia risale al 2011, quando il mio primo progetto cinematografico che sarebbe poi diventato ‘Son of Saul’ era stato presentato qui al festival; la pellicola è stata selezionata dai giurati che hanno visto un potenziale, pochissimi professionisti ci credevano davvero. Ecco perché ho deciso di tornare”, ci racconta Laszlo Nemes.

La giuria dovrà scegliere un vincitore tra dieci film selezionati nella competizione ufficiale. Tra questi c‘è l’ultimo film della regista italiana Susanna Nicchiarelli, “Nico 1988”. Secondo la regista “Nico, dopo essere stata la donna più bella del mondo, un’icona, una modella, dopo aver cantato con i Velvet Underground, è diventata un’artista, e la sua musica ha dato un contributo prezioso alla storia della musica. Negli anni Settanta e Ottanta ha fatto dischi importanti che hanno influenzato buona parte della musica, dal gotico alla new wave. E’ stata una musicista molto coraggiosa.”

The Escape: Il mio unico desiderio

Presentato fuori concorso “The Escape”, una pellicola del cinema indipendente. Per l’attrice protagonista, la britannica Gemma Arterton, questo Festival è un modo per distinguersi da un cinema sempre più omologato. “Il problema che abbiamo nel Regno Unito è che non puoi più correre rischi perché nessuno finanzierà il tuo film a meno che non ci sia dietro qualcuno di molto famoso. Puoi correre dei rischi realizzando un film a budget molto basso, il che significa che il valore della produzione è limitato, questo perché gli addetti ai lavori temono di non realizzare profitti se non c‘è Jenifer Lawrence nel principale ruolo”, ha detto la Arterton.

A Les Arcs cinema indipente in cerca di successo.

Altro da cinema