ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Judo, Grand Slam Tokyo: Otgonbaatar e Guham rompono il monopolio giapponese

Lettura in corso:

Judo, Grand Slam Tokyo: Otgonbaatar e Guham rompono il monopolio giapponese

Judo, Grand Slam Tokyo: Otgonbaatar e Guham rompono il monopolio giapponese
Dimensioni di testo Aa Aa

Non sono riusciti a ripetere l’exploit della prima giornata, ma ci sono andati vicino. I judoka giapponesi hanno vinto 5 delle 7 medaglie d’oro in palio nella giornata conclusiva del Grand Slam di Tokyo: 12 ori, 7 argenti e 13 bronzi il bilancio finale per gli atleti di casa, che hanno lasciato le briciole agli avversari.

Il primo a rompere il monopolio nipponico è stato Uuganbaatar Otgonbaatar nella categoria sotto gli 81 chilogrammi. Il 29enne mongolo ha vinto il suo primo oro battendo in finale il sudcoreano Lee Sung-Ho. Il cammino dell’azzurro Christian Parlati si è fermato contro il russo Aslan Lappinagov.

Il secondo ‘guastafeste’ è stato il sudcoreano Cho Guham, vincitore nella categoria sotto i 100 chilogrammi. In finale ha piegato al golden score l’olandese Michael Korrel, numero uno del ranking mondiale.

La sorpresa di giornata è arrivata nella categoria femminile sotto i 78 chilogrammi. La giapponese Shori Amada ha battuto al secondo turno la britannica Natalie Powell, testa di serie numero uno, per poi conquistare l’oro superando in finale l’olandese Guusje Steenhuis. Subito eliminata l’azzurra Valeria Ferrari, battuta dalla francese Madeleine Malonga.

Successo che in pochi si aspettavano anche nella categoria sotto i 70 chilogrammi, dove la favorita Chizuru Arai si è fatta sorprendere in finale da Yoko Ono, due volte campionessa asiatica e finalista a Tokyo nel 2015. Pronostico rispettato invece nella categoria femminile sopra i 78 chilogrammi. Oro a Sarah Asahina, reduce dal trionfo nel Mondiale Open. Battuta in finale la connazionale Akira Sone.

La finale più equilibrata è stata quella nella categoria maschile sopra i 100 chilogrammi. Di fronte il ceco Lukas Krpalek, campione olimpico in carica nella categoria inferiore, e il giapponese Yusei Ogawa. Dopo dieci minuti di golden score uno shido ha regalato al 21enne judoka nipponico il suo primo successo in un Grand Slam.

Chiudiamo con la categoria sotto i 90 chilogrammi, dove Kenta Nagasawa ha vinto l’oro schienando dopo appena trenta secondi il connazionale Yusuke Kobayashi con uno spettacolare uchi mata.