ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ue ed Africa insieme per porre fine alla schiavitù dei migranti

Lettura in corso:

Ue ed Africa insieme per porre fine alla schiavitù dei migranti

Ue ed Africa insieme per porre fine alla schiavitù dei migranti
Dimensioni di testo Aa Aa

Davanti alle immagini provenienti dalla Libia di uomini ridotti in schiavitù, la comunità internazionale non può chiudere gli occhi. Ad Abidjan i leader europei e africani giovedì si sono impegnati a porre fine alle atrocità commesse sui migranti e hanno proposto una task force militare congiunta per reprimere il traffico degli esseri umani. Tra i Paesi europei in prima linea: Italia, Francia, Germania e Spagna.
“Permettetemi di rinnovare la mia richiesta di imporre sanzioni ONU a contrabbandieri e trafficanti di esseri umani”, è stato l’appello di Donald Tusk, presidente del Consiglio europeo.
Alcuni paesi sub-sahariani come il Niger si sono detti pronti a sostenere qualsiasi azione contro i trafficanti di esseri umani. Ma il Sahara non sarà mai abbastanza sicuro finché i migranti continueranno a dirigersi verso la Libia per raggiungere il Mediterraneo e intraprendere un rischioso viaggio in mare, spinti dal desiderio di approdare in Europa.
“Abbiamo deciso in occasione di questo incontro di assicurarci che l’Unione Africana e l’ONU mettessero in atto un meccanismo che permettesse di identificare le reti dei trafficanti, e di punire i contrabbandieri perché come ho detto si tratta di un crimine contro l’umanità “, ha affermato alle camere di euronews il presidente nigeriano Mahamadou Issoufou.
La taskforce tra Unione europea e Unione africana cercherà di fornire maggior supporto a quelle organizzazioni internazionali che sono già operative sul campo nella lotta al traffico di esseri umani e che forniscono assistenza ai migranti.
“Per noi salvare vite e liberare i migranti da trattamenti inumani è la priorità assoluta – spiega la direttrice dell’ufficio in Costa d’Avorio dell’Organizzazione mondiale per le migrazioni-. Tutti quanti scoraggiano queste persone a partire, ma chi lascia il proprio paese è sempre convinto che sarà più fortunato degli altri.”
Come spiega la nostra corrispondente Isabel Marques da Silva “diversi leader non hanno esitato a descrivere i centri di detenzione in Libia come luoghi in cui si verificano crimini contro l’umanità. Unione europea, Unione africana e Nazioni unite promettono di salvare i migranti il prima possibile. Ma trovare una soluzione al caos politico in Libia richiederà una strategia molto più complessa da parte della comunità internazionale “.