EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Mali: i bambini di Kidal tornano a scuola

Mali: i bambini di Kidal tornano a scuola
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Per cinque anni sono stati privati dell'istruzione a causa dell'insicurezza. Ma la situazione nel Paese resta critica, come sottolinea l'Onu.

PUBBLICITÀ

A Kidal, nel nord del Mali, centinaia di bambini tornano sui banchi. Per cinque anni sono stati privati dell’istruzione visto che le scuole erano rimaste chiuse a causa del conflitto fra gruppi armati tuareg ed estremisti islamici.

Oggi la città è controllata da un gruppo appartenente alla coordinazione separatista dei movimenti Azawad ed è pattugliata dalle forze francesi dell’operazione Barkhane. Il ministro dell’Educazione maliano Mohamed Ag Erlaf ha assistito alla riapertura delle scuole:” I bambini devono stare a scuola, non nell’esercito e neppure per strada”.

Fra i ragazzi tornati a studiare Mahmoud, 14 anni, fuggito in Algeria con i genitori quando aveva nove anni. Sono tornati a Kidal nel 2015 dopo l’accordo di pace fra i ribelli tuareg e il governo maliano. La mamma di Mahmoud racconta:“Mi sento sollevata vedendo i nostri figli andare a scuola tutti i giorni e non vagare più per le strade. Possono studiare per form arsi e più tardi potranno contribuire allo sviluppo della regione”.

Negli ultimi cinque anni oltre 150.000 minori non hanno potuto frequentare la scuola a causa dell’insicurezza nel nord e nel centro del Mali. Un’insicurezza crescente che ostacola l’azione umanitaria, ha sottolineato l’Onu questa settimana. I jihadisti sono stati espulsi dalle forze francesi, ma restano attivi visto che vaste aree del Paese sfuggono ancora al controllo dello Stato.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mali, liberati tre italiani in ostaggio dal 2022: la famiglia Langone atterrata a Ciampino

Mali, crolla una mina d'oro illegale: 70 morti

Esecuzioni, torture e saccheggi in Africa: i mercenari della Wagner sotto accusa