Liberia: Weah verso la presidenza

Liberia: Weah verso la presidenza
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

La Commissione elettorale ha fornito i risultati parziali delle elezioni: l'ex calciatore è in testa in 14 delle 15 circoscrizioni. Sui social i complimenti degli ex compagni Maldini e Desailly

PUBBLICITÀ

Dopo averci provato due volte senza successo, George Weah potrebbe presto diventare il nuovo presidente della Liberia.

La Commissione elettorale nazionale ha annunciato i risultati parziali delle elezioni che si sono tenute martedì scorso. L’ex calciatore del Milan è in testa in 14 delle 15 circoscrizioni elettorali, mentre il vice presidente liberiano Joseph Boakai è in testa nella sua contea natale, Lofa.

Per essere certo della presidenza Weah deve ottenere il 50% più uno dei voti. Se non dovesse riuscirsci sarà necessario il ballottaggio, previsto a novembre.

Nonostante non ci sia ancora certezza sui risultati del voto, sui social gli ex compagni di squadra Paolo Maldini e Marcel Desailly si sono già congratulati con Weah, vincitore del Pallone d’oro nel 1995.

L’ex attaccante si era già candidato nel 2005 e 2011 ma in entrambe le occasioni era stato sconfitto da Ellen Johnson Sirleaf, prima donna ed essere eletta presidente di un paese africano.

La Commissione elettorale ha tempo fino al 25 ottobre per comunicare i risultati definitivi.

Congratulations to my dear friend George Weah who won the political election and became the new President of Liberia . I’m sure that the humble and generous man I met twenty years ago will be the perfect leader of the people of his beloved country . All the love and support from me and my family ❤️

A post shared by Paolo Maldini official (@paolomaldini) on Oct 12, 2017 at 2:49am PDT

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Liberia: domani si torna alle urne per il ballottaggio

Moldova, timori per le influenze della Russia su presidenziali e referendum Ue

Elezioni anticipate in Croazia, è scontro tra il presidente Milanovic e il premier Plenković