Attentato al museo ebraico di Bruxelles: Nemmouche non si presenterà al processo

Attentato al museo ebraico di Bruxelles: Nemmouche non si presenterà al processo
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il francese, accusato di essere l'attentatore, non è nelle condizioni fisiche per partecipare al processo secondo i suoi avvocati.

PUBBLICITÀ

Mehdi Nemmouche, il presunto autore dell’attentato contro il museo ebraico di Bruxelles, non participerà al processo, perché sta perdendo la vista e l’udito. Nemmouche, che si è presentato per la prima volta da oltre due anni davanti ai giudici della capitale belga, non è in grado di difendersi, dicono gli avvocati, ha forti dolori alla testa e l’amministrazione penitenziaria ha rifiutato di farlo sottoporre a risonanza magnetica come aveva raccomandato un medico scelto dal gip.

“Siamo venuti ad annunciarvi che non ci sarà un processo Nemmouche – afferma l’avvocato Sebastien Courtoy – ci sarà un simulacro di processo perché attualmente, per volontà deliberata dell’amministrazione penitenziaria, non è in condizione di recarsi al processo”.

Il francese Nemmouche fu arrestato sei giorni dopo l’attentato del 24 maggio del 2014 che provocò la morte di quattro persone. Secondo gli avvocati il presunto membro dell’Isis non potrà essere giudicato neppure in Francia dove è sospettato di essere stato uno dei carcerieri di quattro giornalisti ex ostaggi in Siria.

Il processo a Bruxelles dovrebbe cominciare nel 2018.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Commozione al museo ebraico di Bruxelles per l'inizio del processo all'attentatore

Bruxelles, cresce la violenza legata al traffico di droga

Belgio, arrestato un presunto complice dell'attentatore di Bruxelles