Terremoto in Messico: almeno 21 bambini, vittime del crollo di una scuola elementare

Terremoto in Messico: almeno 21 bambini, vittime del crollo di una scuola elementare
Di Cinzia Rizzi
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Ci sono ancora 30 dispersi sotto le macerie della scuola Enrique Rebsamen, a Città del Messico. Recuperati 25 corpi

PUBBLICITÀ

Almeno 21 bambini e quattro adulti sono morti nel crollo di una scuola, nella parte sud di Città del Messico, a causa del terremoto che ha colpito il Paese martedì pomeriggio. Ci sarebbero oltre 30 dispersi sotto le macerie.

Escuela Enrique Rebsamen: 21 niños fallecidos y 4 adultos tras colapso de edificio por #sismohttps://t.co/k3zwwM6ffZpic.twitter.com/NsYRqx2Rbw

— El Heraldo de México (@elheraldo_mx) 20 settembre 2017

“La sola cosa che le autorità ci hanno detto è di andare negli ospedali, per verificare che i nostri parenti non siano lì. Ci siamo andati e al momento non ci sono novità sui membri della nostra famiglia che sono scomparsi’‘, spiega un giovane, in cerca del cugino disperso.

Il Presidente messicano Enrique Peña Nieto si è recato alla scuola elementare Enrique Rebsamen – uno dei 30 edifici collassati nella capitale – , dove centinaia di persone, tra volontari, membri dell’esercito e della protezione civile, stanno scavando tra le macerie in cerca di sopravvissuti.

Tragedia de la escuela Rebsamen, Peña Nieto Realiza recorrido.https://t.co/btLoiQhgUgpic.twitter.com/vWLBXOCoqw

— NuevoLaredoalpunto (@NLDalpunto) 20 settembre 2017

Oltre 200 scuole di Città del Messico sono state colpite dal terribile sisma, 15 delle quali hanno riportato gravi danni. Nello stato di Puebla, sono 117 le strutture scolastiche ad aver sofferto le conseguenze del terremoto.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

32 anni fa una scossa distrusse Città del Messico (grafico: tutti i terremoti del Paese)

Messico, inaugurata la linea ferroviaria interoceanica

Morto Jesus Ociel Baena Saucedo, il primo magistrato messicano non binario