EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Colombia: deposte ultime armi Farc, finisce conflitto durato 53 anni

Colombia: deposte ultime armi Farc, finisce conflitto durato 53 anni
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
PUBBLICITÀ

Con la consegna delle ultime armi si conclude lo storico processo di abbandono della lotta da parte delle Farc. “È l’inizio di una nuova fase per il Paese”, ha detto il presidente colombiano Juan Manuel Santos, premio Nobel per la Pace, a Pondores.

Circa 7000 combattenti hanno deposto le armi, oltre ottomila, che saranno fuse per dar vita a tre monumenti da erigere a Bogotà, alle Nazioni Unite e a l’Avana.

“Siamo stati testimoni di qualcosa di storico”, ha commentato Santos. “È l’ultimo respiro di un conflitto durato 53 anni. Quando abbiamo visto l’ultimo container partire abbiamo visto la conclusione della fase di deposizione delle armi”.

“Comincia la verifica da parte delle Nazioni Unite del reinserimento delle Farc nella vita politica, economica e sociale del Paese”, ha affermato Ivan Marquez, ex capo delle Farc e negoziatore del processo di pace conclusosi con gli accordi dello scorso novembre.

L’accordo garantisce agli ex guerriglieri almeno dieci seggi nel Congresso. Gli ex combattenti vivranno in 26 zone territoriali di formazione e di reinserimento. Le Farc hanno consegnato altri 24 minori alla Croce Rossa che in totale da dicembre ha gestito il trasferimento di 112 adolescenti.

Somos más optimistas porque lo imposible se cumplió: salida de último contenedor con armas de Farc hace definitivo su desarme #ZonasDePazpic.twitter.com/Aemj4MemUY

— Juan Manuel Santos (@JuanManSantos) 16 août 2017

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'allarme della campagna per la messa al bando delle mine: ce ne sono ancora troppe

Colombia, nuovi colloqui con i guerriglieri dell'ELN: il dialogo era fermo dal 2019

Colombia: la pace impossibile per Gustavo Petro