ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Milano in corsa per aggiudicarsi l'EMA

Milano in corsa per aggiudicarsi l'EMA
Dimensioni di testo Aa Aa

Inizierà il 30 settembre l’analisi delle candidature per ospitare l’Ema, l’Agenzia europea per i medicinali.
Attualmente l’authority ha sede a Londra, ma l’uscita del Regno Unito dall’Unione, comporterà anche lo spostamento dell’organismo
in cui lavorano circa novecento persone.

Una cifra ragguardevole che fa gola a molti. Diverse le città che hanno presentato un dossier: si va da Dublino a Copenhagen, da Bratislava a
Lille, da Barcellona a Vienna. Poi c‘è Milano. Forte dell’organizzazione dell’Expo, il capoluogo lombardo si è ufficialmente candidato lo scorso 24 luglio. Sul piatto, come altri,
il proprio stile di vita. Ma anche arte, design, cultura e cibo.

Così come la vicinanza ai laghi, al mare, alla montagna e alle città simbolo dell’Italia. Perché quel che sembra contare è l’offerta da proporre ai dipendenti dell’EMA e alle loro famiglie.
Il fatto che l’Europa conti altre due Authorities in Italia (l’EFSA a Parma e l’ETF a Torino) potrebbe però penalizzare Milano.

L’EMA è responsabile della valutazione scientifica, supervisione e controllo di sicurezza per la medicine e la veterinaria, per tutta l’Unione Europea (28 Paesi). La decisione, prevista per novembre, spetterà al Consiglio europeo.