Camerun: volontari per i bimbi vittime di stupro

Camerun: volontari per i bimbi vittime di stupro
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Si chiama Renata la rete di 21mila volontari che supporta, nel Paese africano, le vittime di violenza sessuale

PUBBLICITÀ

Madri bambine, donne violentate, ragazze vittime d’incesto. 21mila volontari in Camerun hanno creato una rete, Renata , per proteggere, accogliere, curare, le donne vittime di violenza di genere che avvenga in famiglia o per strada, che sia per odio o per costume. Charnelle Lumière, volontaria: “Molto spesso quando si verifica un stupro nel circolo familiare, è difficile per qualcuno parlare, perché i membri della famiglia dicono ‘questa è una questione familiare e non deve essere discussa con gli estranei’. E provano tra di loro a risolvere il problema. Altre volte la famiglia si accorda con il violentatore senza che la vittima lo sappia e così resta abbandonata a sé stessa”.
E la vittima spesso è bambina: il 10 per cento di chi ha subito violenza, in Camerun, ha incontrato il suo aguzzino prima dei 10 anni d’età. Le volontarie di Renata, spiegano ai seienni, fuori scuola, cos‘è stupro e cosa non lo è. Flavien Ndonko, cofondatore Renata : “Il governo deve davvero provvedere con leggi e concretamente perseguire i violentatori, ma deve anche preoccuparsi delle vittime. Forse il modo migliore di aiutarle è supportando le organizzazioni”.
In Camerun sono state stuprate 400mila donne negli ultimi 20 anni.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: missili russi su Odessa, decine di morti e feriti

Bangladesh: incendio in un centro commerciale a Dacca, 44 vittime

Il sospettato per la scomparsa di Maddie McCann a processo in Germania: è accusato di stupro