Omicidio Kim Jong-nam: polizia malese sospetta di un diplomatico nordcoreano

Omicidio Kim Jong-nam: polizia malese sospetta di un diplomatico nordcoreano
Di Luca Colantoni
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Un altro complice sarebbe un membro della compagnia aerea della Corea del Nord.

PUBBLICITÀ

Proseguono le indagini sull’omicidio di Kim Jong Nam, fratellastro del leader nordcoreano Kim Jong Un assassinato lunedi’ scorso all’aeroporto di Kuala Lumpur. La polizia malese ha reso noto di sospettare sia di un diplomatico di Pyongyang a Kuala Lumpur che un membro del personale della compagnia aerea coreana, che potrebbero essere, a vario titolo, implicati nell’assassinio. “Crediamo fortemente che i sospettati abbiano lasciato il paese e pensiamo siano ritornati a Pyongyang. – ha detto l’Ispettore Generale della polizia malese Khalid Abu Bakar – Per questo abbiamo chiesto alle autorità della Corea del Nord di aiutarci a rintracciarli e di consegnarli a noi per poter completare l’inchiesta”

Per quanto riguarda la dinamica dell’omicidio all’aeroporto, gli investigatori ritengono che le due donne arrestate sapessero che si trattava di un attacco con del veleno nonostante si siano difese sostenendo di essere state ingaggiate per una candid camera.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Morte KimJong-nam, spunta il video dell'aggressione

Corea del Nord, la Russia pone il veto alla risoluzione sul monitoraggio delle sanzioni per le armi

Argentina, la discarica di bare e resti umani non identificati a La Plata