EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Davos: l'economia mondiale attende le mosse di Trump

Davos: l'economia mondiale attende le mosse di Trump
Diritti d'autore 
Di Luca Colantoni
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Al World Economic Forum, si è parlato anche di sicurezza e della nuova amministrazione americana

PUBBLICITÀ

Anche se a poche ora dal suo insediamento alla Casa Bianca e, quindi, senza un suo intervento diretto, al Forum Mondiale sull’Economia di Davos si è comunque avvertita la presenza di Donald Trump, soprattutto le sue posizioni sulla sicurezza che potrebbero pregiudicare alcune relazioni internazionali. come spiega Robin Niblett, capo dell’organizzazione non governativa inglese Chatham House che soi occupa di relazioni internazionali. “Io prendo le dichiarazioni di Donald Trump sulla NATO molto sul serio. Quando definiamo qualcosa come obsoleto, ciò implica che si tratta di qualcosa che non si adatta piu’ allo scopo e si tratta di un cambiamento radicale. Il cambiamento radicale che gli europei vogliono è tornare più forti contro quello che molti considerano una minaccia, una Russia che riemerge e una certa instabilità in Medio Oriente. Quando Donald Trump dice che non va bene, si parla di lotta al terrorismo e anche delle tensioni della protezione dell’America con la Cina. Sono preoccupato. L’Europa e l’America hanno un’idea diversa sulla forma di adeguare la NATO ai propri scopi”

I tweet della Chatham House

Tweet thread: America's international role under realDonaldTrump</a> - 10 tweets on 10 different policy areas. Click this tweet for the thread. <a href="https://t.co/bL00i6PjdQ">pic.twitter.com/bL00i6PjdQ</a></p>&mdash; Chatham House (ChathamHouse) 18 gennaio 2017

Anche il mondo dell’economia, ovviamente è preoccupato dai rapporti che si creeranno tra la nuova amministrazione americana e la Russia. Lo spiega, sempre a Euronews Kirill Dmitriev, CEO del RDIF, Russian Direct Investment Fund. “Riteniamo che abbia senso che la Russia possa e debba essere trattata con la comprensione della sua posizione. Anche il presidente Obama ha detto di recente che l’interesse nazionale degli Stati Uniti significa una buona cooperazione con la Russia”.

Il tweet del fondo RDIF

Watch live euronews</a> WEF debate "Russia in the World" with Kirill Dmitriev, CEO of <a href="https://twitter.com/hashtag/RDIF?src=hash">#RDIF</a>: <a href="https://t.co/jCckC0Jq4R">https://t.co/jCckC0Jq4R</a> <a href="https://twitter.com/wef">wef#WEF2017#Davospic.twitter.com/0Zu6JQBxqs

— РФПИ (@rdif_press) 19 gennaio 2017

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Dibattito da Davos: il ruolo della Russia nel mondo

Germania, si apre processo contro i Cittadini del Reich per un tentato colpo di Stato

Russia, respinto l'appello di un uomo arrestato per l'attentato alla Crocus city hall di Mosca