EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Sommosse nelle carceri brasiliane. Temer annuncia fondi e riforme

Sommosse nelle carceri brasiliane. Temer annuncia fondi e riforme
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Presidente sblocca i fondi per nuovi istituti penitenziari. Al via anche delle commissioni che studieranno come cambiare il sistema

PUBBLICITÀ

Solo l’intervento delle forze dell’ordine ha probabilmente evitato un altro massacro nelle carceri brasiliane. Agenti della polizia penitenziaria hanno fatto ricorso a proiettili di gomma, per impedire nuove sommosse nel complesso di Acaçul, lo stesso in cui lo scorso sabato, nello scontro fra due gang rivali, avevano perso la vita 26 detenuti.

All’inanellarsi di simili episodi il presidente brasiliano Michel Temer ha risposto annunciando lo sblocco di nuovi fondi. “Saranno destinati alla costruzione di cinque nuove carceri federali di massima sicurezza – ha anticipato -. Venticinque nuove prigioni saranno poi costruite in ciascuno degli stati brasiliani”.

(AI) Presidente Michel Temer determina criação de comissão para reformar o sistema penitenciário https://t.co/E8NZbKudTHpic.twitter.com/oHv91IYRN3

— Michel Temer (@MichelTemer) 17 gennaio 2017

Su Twitter l’annuncio del Presidente Temer: “Create nuove commissioni per riformare il sistema penitenziarioDall’inizio dell’anno sono già più di 130, di cui alcune decapitate, le vittime degli scontri che hanno insanguinato diverse carceri del nord e del nord-est del Brasile. Ad alimentarli soprattutto la storica rivalità fra una gang della droga di San Paolo, la principale del Paese, e un’altra di Rio de Janeiro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Madonna riempie la spiaggia di Copacabana: il concerto è record

Inondazioni in Brasile: almeno 55 morti e 70mila sfollati

Brasile: conclusa la visita di Macron, firmati oltre 20 accordi tra i due Paesi