EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Siria: Daesh verso la guerra sporca, decine di militanti-kamikaze pronti a resistere

Siria: Daesh verso la guerra sporca, decine di militanti-kamikaze pronti a resistere
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Centinaia di siriani fuggono da Raqqa, autoproclamata capitale dello Stato Islamico, mentre infuriano i combattimenti fra i militanti che hanno deciso di resistere a qualsiasi costo, e i peshmerga cur

PUBBLICITÀ

Centinaia di siriani fuggono da Raqqa, autoproclamata capitale dello Stato Islamico, mentre infuriano i combattimenti fra i militanti che hanno deciso di resistere a qualsiasi costo, e i peshmerga curdi sostenuti dalle forze armate statunitensi. I soldati di Daesh sono temuti perché sanno di non avere scampo e non esitano ad usare tattiche suicide per provocare quante più perdite possibile nelle file nemiche. Le operazioni delle forze curde sono iniziate sabato scorso e puntano a circondare e prendere Raqqa.

Chi da quella prigione a cielo aperto è riuscito a fuggire racconta le difficoltà vissute. Dice una donna che saluta i liberatori: “Daesh ci puniva per qualsiasi cosa, il pane era costoso, la benzina carissima, tutto era costoso. Ci punivano per la minima infrazione, ma adesso sarà Dio a punirli”.

L’operazione è denominata “rabbia dell’Eufrate” e sembra concentrata sulle zone di Raqqa e sulla città di Ain Issa a una cinquantina di chilometri di distanza, uno degli snodi usati dai jihadisti per l’arrivo di rifornimenti.

Ankara ha però ripetuto che la Turchia vuole separare i gruppi armati con un’agenda politica e quelli davvero interessati a liberare la regione dal giogo jihadista.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, due anni dopo: come si stanno adattando gli ucraini a una guerra a lungo termine?

Irlanda, migranti: richiedi asilo e finisci in tenda, "condizioni disumane" secondo l'opposizione

Dublino, 200 richiedenti asilo accampati per strada: casi di scabbia e malattie respiratorie