La Russia rinuncia allo scalo a Ceuta per le navi militari dirette in Siria

La Russia rinuncia allo scalo a Ceuta per le navi militari dirette in Siria
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sembra passata la tempesta diplomatica su Ceuta.

PUBBLICITÀ

Sembra passata la tempesta diplomatica su Ceuta. A seguito delle pressioni della Nato e dell’Europa, Mosca ha rinunciato ad uno scalo di rifornimento nell’enclave spagnola per la sua flotta di navi dirette in Siria.

Una flotta guidata dalla portaerei Kuznetsov e che viene considerata l’apripista per una ulteriore escalation delle operazioni militari russe in Siria.

L’incidente avviene una settimana dopo che i Paesi membri dell’Unione Europea avevano definito “crimini di guerra” i bombardamenti russi in appoggio alle forze armate del regime di Damasco.

La rinuncia della Russia arriva dopo che il Ministero degli Esteri spagnolo aveva ufficialmente chiesto all’ambasciata russa chiarimenti sul possibile coinvolgimento della flotta nei bombardamenti di Aleppo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Morte di Navalny, la madre vede il corpo: "Vogliono che seppellisca mio figlio in segreto"

Morte Navalny: il mondo ricorda il dissidente, quasi 400 arresti in Russia

Morte di Navalny: mistero sul corpo, dubbi sulla data e sulla causa del decesso