EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Londra: un party da spiaggia in difesa delle donne in burkini

Londra: un party da spiaggia in difesa delle donne in burkini
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

“L’islamofobia non è libertà”: è questo uno degli slogan a Londra della protesta contro la legge anti-burkini varata dal governo francese.

PUBBLICITÀ

“L’islamofobia non è libertà”: è questo uno degli slogan a Londra della protesta contro la legge anti-burkini varata dal governo francese. Un raduno di ‘bagnanti’ munite di secchielli, palette e burkini è stato organizzato sotto l’ambasciata di Parigi. L’iniziativa è stata lanciata sui social media da tre donne per rivendicare il diritto alla libertà.

“Sono qui perché penso che sia scandaloso che le donne musulmane siano state costrette dalla polizia a spogliarsi in pubblico. Penso che sia stato un attacco oltraggioso ai diritti di scelta che hanno tutte le donne di mettere cosa vogliono sul proprio corpo”, dice una manifestante.

Il riferimento è alla polizia che ha multato e imposto a una donna musulmana di togliersi il burkini a Nizza. Foto che stanno indignando.

Nicolas Sarkozy is the perfect candidate for a France so shaken by terror that it bans … https://t.co/7xZZHzdIRppic.twitter.com/KImpunp0Pa

— The Telegraph (@Telegraph) August 24, 2016

“Abbiamo voluto dimostrare la nostra solidarietà alle donne musulmane in Francia e chiedere l’abrogazione del divieto”, spiega una delle organizzatrici India Thorogood.

A Londra anche il sindaco il laburista Sadiq Khan ha liquidato il divieto di burkini come un’imposizione e un errore.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Regno Unito, annuncio a sorpresa di Sunak: elezioni anticipate il 4 luglio

Piano Ruanda, l'Austria elogia il Regno Unito: insieme per modificare il sistema legale europeo

Il tribunale di Londra ha deciso: Assange può appellarsi contro l'estradizione negli Stati Uniti