EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Diplomazie europee contro Johnson, Mosca spera in migliori relazioni con Londra

Diplomazie europee contro Johnson, Mosca spera in migliori relazioni con Londra
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Boris Johnson, dopo aver spaccato il Regno Unito, divide anche la diplomazia internazionale.

PUBBLICITÀ

Boris Johnson, dopo aver spaccato il Regno Unito, divide anche la diplomazia internazionale.

Se Mosca e Washington aprono al dialogo, la sua nomina a ministro degli Esteri britannico rischia di affondare, dopo 112 anni, ‘l’entente cordiale’ tra Londra e Parigi che mise fine a secoli di antagonismo.

Dalla Francia, Jean-Marc Ayrault definisce il suo omologo britannico “un bugiardo”: “Durante la campagna referendaria ha mentito al popolo britannico e ora è lui ad avere le spalle al muro, difenderà il suo Paese con le spalle al muro e avrà le spalle al muro anche nel rapporto con l’Europa, sia chiaro”.

Anche a Berlino la reazione non è entusiasta. La nomina dimostra che le intenzioni del governo May di far uscire il Paese dall’Unione europea “sono serie”: dice il ministro degli Esteri tedesco, Frank-Walter Steinmeier. E da Bruxelles non arriva, ovviamente, un caloroso benvenuto.

Toni più concilianti fuori dal Vecchio Continente: il ministero degli Esteri russo sottolinea che il suo predecessore non mancherà a Mosca e il Cremlino nutre “la speranza” di migliorare le relazioni con Londra.

“Lavoreremo con Johnson come con i predecessori”, dice Washington dopo una telefonata tra il neo ministro e John Kerry.

#BorisJohnson wird britischer #Außenminister. pic.twitter.com/BNPsewYKHe

— Patrick Appel (@AppelPatrick) July 13, 2016

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Regno Unito, ecco il governo per la Brexit

Regno Unito: già al lavoro la squadra di governo

Il Regno Unito: al lavoro il nuovo governo tra Brexit e timori economici