This content is not available in your region

Diplomazie europee contro Johnson, Mosca spera in migliori relazioni con Londra

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Diplomazie europee contro Johnson, Mosca spera in migliori relazioni con Londra

Boris Johnson, dopo aver spaccato il Regno Unito, divide anche la diplomazia internazionale.

Se Mosca e Washington aprono al dialogo, la sua nomina a ministro degli Esteri britannico rischia di affondare, dopo 112 anni, ‘l’entente cordiale’ tra Londra e Parigi che mise fine a secoli di antagonismo.

Dalla Francia, Jean-Marc Ayrault definisce il suo omologo britannico “un bugiardo”: “Durante la campagna referendaria ha mentito al popolo britannico e ora è lui ad avere le spalle al muro, difenderà il suo Paese con le spalle al muro e avrà le spalle al muro anche nel rapporto con l’Europa, sia chiaro”.

Anche a Berlino la reazione non è entusiasta. La nomina dimostra che le intenzioni del governo May di far uscire il Paese dall’Unione europea “sono serie”: dice il ministro degli Esteri tedesco, Frank-Walter Steinmeier. E da Bruxelles non arriva, ovviamente, un caloroso benvenuto.

Toni più concilianti fuori dal Vecchio Continente: il ministero degli Esteri russo sottolinea che il suo predecessore non mancherà a Mosca e il Cremlino nutre “la speranza” di migliorare le relazioni con Londra.

“Lavoreremo con Johnson come con i predecessori”, dice Washington dopo una telefonata tra il neo ministro e John Kerry.