EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Le difficili condizioni di vita nei campi profughi in Grecia

Le difficili condizioni di vita nei campi profughi in Grecia
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Malgrado l’accordo fra Turchia e Unione europea. Oltre 40mila migranti restano bloccati in Grecia, dopo la chiusura, a marzo, della rotta balcanica

PUBBLICITÀ

Malgrado l’accordo fra Turchia e Unione europea. Oltre 40mila migranti restano bloccati in Grecia, dopo la chiusura, a marzo, della rotta balcanica.

I 31 centri d’accoglienza allestiti anche con il contributo dell’Unione europea, secondo Amnesty international sono caratterizzati da sovraffollamento, assenza di privacy e servizi igienici insufficienti. Un esempio è il campo di Elleniko, nella zona dell’aereoporto di Atene. Sorge sul sito delle Olimpiadi del 2004.

Una donna di origine afghana dice:

Siamo profughi, e in queste condizioni ci danno solo il minimo, per esempio per quanto riguarda l’assistenza sanitaria.

Un grave problema soprattutto per i bambini, che sono sempre più numerosi in questi campi, come spiega Sacha Myers dell’organizzazione Save the children:

_Vivono in ristrettezze, spesso condividendo lo spazio con altre famiglie. Dormono in tenda o direttamente per terra. C‘è pochissima privacy e spesso i bambini si ammalano, a causa di queste condizioni di vita insalubri. _

Secondo i dati della Commissione europea, delle migliaia di profughi presenti in Grecia e candidati a partire per altri paesi dell’Unione, ad aprile solo 615 erano stati effettivamente trasferiti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Grecia: ondata di calore ad Atene, attesi fino a 43 gradi, l'Acropoli chiude nelle ore più calde

Elezioni europee: in Grecia per la prima volta il voto per corrispondenza

Grecia, la Corte di Atene rivede assoluzioni per l'incendio di Mati: nuovo processo per 20 imputati