Idomeni: una donna siriana racconta la difficile vita nel campo profughi

Idomeni: una donna siriana racconta la difficile vita nel campo profughi
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Degli oltre 12.000 profughi di Idomeni circa la metà sono donne e bambini. Nisrine Shiko, una rifugiata siriana, si trova qui da dieci giorni con i

PUBBLICITÀ

Degli oltre 12.000 profughi di Idomeni circa la metà sono donne e bambini.
Nisrine Shiko, una rifugiata siriana, si trova qui da dieci giorni con i suoi cinque bambini. Tre anni fa ha perso il marito, ucciso da una bomba ad Aleppo. Con i suoi bambini Nisrine sopporta le condizioni precarie del campo profughi: “È dura. Prima facevo la casalinga e mio marito rappresentava tutto per me. Ora sono madre e padre allo stesso tempo”.

Bambini a piedi nudi, con i vestiti umidi a causa della pioggia: una delle situazioni peggiori mai osservate, secondo l’Ong “Save The Children”.

“È difficile con cinque bambini”, prosegue Nisrine. “Ieri quando ha piovuto i miei figli erano fradici. Anche le coperte erano fradice. Ho asciugato i bambini e li ho messi a letto. Da quel momento non ho dormito”.

Chi non ha trovato riparo in una tenda di fortuna, dorme all’aperto. Alcuni genitori bruciano la plastica, a volte dei vestiti per riscaldare i più piccoli. Decine di bambini sono gravemente malati, molti hanno problemi respiratori, una trentina sono stati ricoverati negli ospedali di Kilkis (a 60 km di distanza) e Salonicco (a 100 km).

#instantané Des enfants s'amusent dans la boue, dans un camp de réfugiés à la frontière gréco-macédonienne #AFPpic.twitter.com/UOETv2C5yA

— Agence France-Presse (@afpfr) 11 mars 2016

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Trattamenti "disumani" per i migranti nel Mar Egeo: un rapporto di Msf svela i presunti abusi

Grecia, quattro migranti morti in un naufragio al largo di Lesbo

Barcone affondato in Grecia. Avanti con le ricerche ma si teme il peggio