ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ocse, crescita globale lenta nel 2016. Tagliate le previsioni per l'Italia

Ocse, crescita globale lenta nel 2016. Tagliate le previsioni per l'Italia
Dimensioni di testo Aa Aa

Il 2016 non sarà l’anno della svolta. Il messaggio delle nuove previsioni dell’Ocse è chiaro: la crescita del Pil globale si fermerà al 3%, tre decimali in meno rispetto ai dati di novembre. La “spuntata” è arrivata anche per l’Eurozona, che quest’anno toccherà il +1,4%, e per l’Italia (+1%).

Servono più investimenti in progetti di qualità da parte dei governi e politiche strutturali ambiziose che promuovano delle sinergie con il settore privato

La politica monetaria non basta, dice l’Ocse: serve una risposta dei governi: “Più investimenti in progetti di qualità e politiche strutturali ambiziose che promuovano delle sinergie con il settore privato. Tutto ciò – afferma Catherine Mann, capo economista dell’organizzazione – sosterrebbe la crescita del Pil globale e ridurrebbe i rischi finanziari”.

Non brillano nemmeno gli Stati Uniti, dove la forza del dollaro ha pesato sulle esportazioni e dove il calo dei prezzi del petrolio ha colpito mortalmente il settore energetico. La crescita nel 2016 sarà del 2%, mentre l’anno prossimo salirà leggermente al 2,2%.