EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Vicino ai più poveri, Francesco in Messico non dimentica la "nostra terra madre"

Vicino ai più poveri, Francesco in Messico non dimentica la "nostra terra madre"
Diritti d'autore 
Di Cecilia Cacciotto
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Lontano dalle elite e vicino al popolo. Le scelte come le parole di Papa Francesco in Messico non hanno sorpreso. Fedele a se stesso e alla sua

PUBBLICITÀ

Lontano dalle elite e vicino al popolo.
Le scelte come le parole di Papa Francesco in Messico non hanno sorpreso. Fedele a se stesso e alla sua chiesa, il pontefice ha scelto di incontrare i poveri e i reietti.

In Chiapas, lo Stato più povero e meno cattolico del Messico, solo il 54% dei messicani qui si è dichiarato cattolico nel censimento del 2010 contro l’83% in Messico, il messaggio di Francesco ha avuto quasi un potere taumaturgico.

http://www.lastampa.it/2016/02/16/vaticaninsider/ita/vaticano/preferisco-una-famiglia-ferita-a-una-societ-chiusa-e-narcisistica-ooHwP8GozxXDuvJg4B0pxI/pagina.html “Tra i poveri, i reietti e gli abbandonati, c‘è anche la nostra terra oppressa. Non possiamo più ignorare la peggiore catastrofe ambietale della storia. In questo avete molto da insegnarci”.

Francesco ha ricevuto un esemplare della Bibbia tradotta nella lingua locale, ha così reso omaggio alla cultura Maya e agli oltre 11 milioni di messicani indios.

“I vostri popoli sono stati incompresi ed esclusi dalla società perché i loro valori e la loro cultura sono stati considerati inferiori”.

http://www.lastampa.it/2016/02/15/vaticaninsider/ita/vaticano/il-papa-agli-indios-perdono-il-mondo-di-oggi-ha-bisogno-di-voi-QGQa7Ev3zw0XeHIuiZVIrM/pagina.html

Altamente simbolica è stata anche la visita alla tomba del vescovo di San Cristobal de las Casas, Samuel Ruiz,difensore della teologia della liberazione e dei diriti dei popoli indigeni dell’America Latina.

Francesco non ha mancato di rivolgersi alle élite messicane, ricordando le loro responsabilità di fronte a problemi come la droga che ha fatto oltre 100 mila morti e 26 mila sparizioni in circa un decennio.

“Tutte le volte che cerchiamo la strada dei privilegi per pochi a detrimento del bene comune, prima o poi, questo cammino si trasforma in terra fertile per la corruzione, per il traffico di droga e l’esclusione delle culture diverse”.

Una critica a mezza bocca rivolta ai vescovi messicani, cui il papa ha chiesto di avvicinarsi alle periferie umane e di smettere gli abiti da principi.

http://www.lastampa.it/2016/02/13/vaticaninsider/ita/vaticano/il-papa-a-guadalupe-tutti-necessari-soprattutto-chi-non-allaltezza-2t1qhMYi7nh83QBPqYolDJ/pagina.html

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Messico, inaugurata la linea ferroviaria interoceanica

Morto Jesus Ociel Baena Saucedo, il primo magistrato messicano non binario

Messico, la devastazione ad Acapulco dopo il passaggio dell'uragano Otis