Trump vola nei sondaggi e allunga su Cruz: si profila a due la corsa per l'Iowa

Trump vola nei sondaggi e allunga su Cruz: si profila a due la corsa per l'Iowa
Diritti d'autore 
Di Diego Giuliani
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Fra due settimane il primo voto per le primarie repubblicane. Tra il miliardario di New York e il senatore del Texas è guerra sui rispettivi luoghi di nascita

PUBBLICITÀ

Premiato dai sondaggi, Donald Trump allunga sugli avversari e porta a casa il sesto dibattito televisivo con gli altri candidati alle primarie repubblicane.

In vista del primo round in Iowa di inizio febbraio, la corsa è ormai a due con Ted Cruz, il suo avversario più accreditato, però già staccato di 13 punti.

Usa 2016: @realDonaldTrump vola e raddoppia il vantaggio su @tedcruzhttps://t.co/N7hbt4RtkPpic.twitter.com/tYkr476Iwr

— Agenzia ANSA (@Agenzia_Ansa) 14 Gennaio 2016

“Non abbiamo confini – ha tuonato Donald Trump dagli studi di Charleston -. Ai nostri veterani viene riservato un trattamento ignobile. L’immigrazione clandestina è a livelli inimmaginabili. Il nostro paese è guidato da persone incompetenti. E sì, sono indignato”.

Trump ha poi ribadito di considerare i rifugiati come un cavallo di Troia per introdurre il terrorismo negli Stati Uniti e – oscurando gli altri candidati -, ha attaccato Cruz, rimproverandogli l’ineleggibilità a causa della sua nascita in Canada.

“Sapete – ha replicato il Senatore del Texas -, appena a settembre il mio amico Donald diceva che i suoi avvocati avevano esaminato la questione da tutti i punti di vista e che rispetto al mio luogo di nascita non c’era nulla da rimproverarmi. E da settembre la Costituzione non è cambiata, ma i numeri dei sondaggi sì”.

Qui un estratto del serrato confronto fra Donald Trump e Ted Cruz: battaglia sui numeri, sui rispettivi luoghi di nascita e non solo.

Se Cruz rincara poi la dose, rimproverando a Trump le sue origini scozzesi, a richiamare all’unità contro i democratici è l’ex governatore della Florida Jeb Bush.

“Possiamo battere Hillary Clinton perché è un vero disastro – ha detto -. Il nostro paese può risorgere, perché ognuno di noi è meglio di Hillary Clinton”.

POLL: Who won the Republican debate in South Carolina? Vote here: https://t.co/LXQJ8GFt2C#GOPDebatepic.twitter.com/RMfXxBlQHp

— Capital Journal (@WSJPolitics) 15 Gennaio 2016

Gli altri però scompaiono, schiacciati dal confronto fra Trump e Cruz: sono loro a guidare la volata verso le prime consultazioni in Iowa e New Hampshire.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Trump a processo, morto l'uomo che si è dato fuoco davanti al tribunale di New York

Usa, un agente di polizia e un vicesceriffo muoiono in una sparatoria nello Stato di New York

New York, avvertito terremoto magnitudo 4,8 con epicentro in New Jersey, chiusi gli aeroporti