EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Primo: proteggere i rifugiati, poi pensare alle frontiere, lo dice la Croce rossa

Primo: proteggere i rifugiati, poi pensare alle frontiere, lo dice la Croce rossa
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Al 32° incontro internazionale del movimento della Croce rossa e della Mezzaluna rossa le migrazioni in primo piano

PUBBLICITÀ

I governi devono fare di più per il rispetto della dignità e della sicurezza dei migranti, garantendo l’accesso ai servizi essenziali. È il messaggio lanciato dal movimento della Croce rossa e della Mezzaluna rossa al 32° congresso delle associazioni umanitarie internazionali.

Il nostro inviato Chris Cummins:

Il 2015 ha portato cambiamenti enormi per le agenzie umanitarie. Le guerre, i mutamenti climatici e l’incertezza economica hanno creato rischi per milioni di persone. Qui a Ginevra la Croce rossa e la Mezzaluna rossa cercano nuove vie per adattarsi alla nuova realtà. In primo piano la Siria e le migrazioni.

Sullo sfondo, il quadro giuridico, che dovrebbe essere rafforzato per salvaguardare i migranti e i rifugiati. Lo dice il segretario generale della Federazione internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa Elhadj As Sy :

Si dovrebbe poter migrare in modo sicuro e legale. Sappiamo quali sono i punti di transito e sappiamo quando i migranti vi giungono, dovremmo dunque porre l’accento sulla protezione delle persone prima di enfatizzare la protezione delle frontiere.

Francesco Rocca è il presidente della Croce rossa italiana:

Non sono soddisfatto, perché potremmo salvare molte più vite. Sapevamo fin dall’inizio che ci sarebbe stata una crisi nei Balcani, noi, come movimento, avevamo allertato i governi già in primavera, così quello che è successo a partire dall’estate i governi avrebbero potuto evitarlo. Onestamente siamo davvero insoddisfatti.

E adesso c‘è da pensare all’inverno. Le agenzie umanitarie prevedono che, date le crisi in corso, il freddo non arresterà il flusso delle popolazioni in cerca di rifugio.

Lilia Rotoloni

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Montagna, trovati i corpi di cinque sciatori svizzeri dispersi sul Cervino

Svizzera, le acque del Lago di Ginevra si riscaldano da 4 a 5 volte più velocemente degli oceani

La Svizzera pensa a più soldi per la difesa: "Esercito debole" dice la ministra Amherd