EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Per Obama sconfiggere l'Isil è possibile ma serve l'impegno di tutti, anche della Russia

Per Obama sconfiggere l'Isil è possibile ma serve l'impegno di tutti, anche della Russia
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Concluso il vertice dell’Asia orientale tenutsi a Kuala Lumpur, in Malesia dove si sono incontrati i capi di stato e di governo asiatici, tra loro

PUBBLICITÀ

Concluso il vertice dell’Asia orientale tenutsi a Kuala Lumpur, in Malesia dove si sono incontrati i capi di stato e di governo asiatici, tra loro c’erano anche il presidente americano Barak Obama, il premier russo Dmitrij Medvedev e il segretario generale delle nazioni unite Ban Ki moon. Una serie di incontri hanno avuto luogo nel quadro di questa conferenza.

E a margine Obama ha affermato: “Distruggere l’ISIL non è solo un obiettivo realistico, sarà fatto. Sarebbe utile se la Russia dirigesse la sua attenzione sull’ ISIL. E io credo che la consegueza della rivendicazione dell’Isil dell’abbattimento dell’aereo russo farà aumetare l’attenzione del Presidente Putin”.

Attenzione comunque già alta quella del capo del Cremlino che segue personalmente le operazionidell’aviazione russa. Operazioni incrementate negli ultimi giorni, secondo la difesa di Mosca.

Tutto questo avviene nel giono in cui per la prima volta dieci combattenti islamici dell’Isil sono stati uccisi sul territorio russo. È successo nella repubblica di Kabardino-Balkaria nella zona del Caucaso del Nord, lo hanno fatto sapere le forze dell’ordine locali .

Secondo la fonte, i terroristi eliminati hanno recentemente giurato fedeltà allo Stato islamico.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Summit Asean: sul piatto la disputa tra Usa e Pechino sul Mare Cinese Meridionale

Summit sull'energia nucleare a Bruxelles: i pro e i contro per la crisi climatica

La sicurezza alimentare nel mondo: il premier britannico Sunak punta sulla tecnologia