ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Trovato accordo sul libero scambio nell'area del Pacifico. Cina esclusa

Lettura in corso:

Trovato accordo sul libero scambio nell'area del Pacifico. Cina esclusa

Trovato accordo sul libero scambio nell'area del Pacifico. Cina esclusa
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo cinque anni di colloqui culminati con una maratona di negoziati a oltranza i rappresentanti di 12 Paesi (capitanati da Stati Uniti e Giappone) hanno annunciato il raggiungimento dell’intesa sul libero scambio nell’area del Pacifico.

Il nome ufficiale è proprio “Trans-Pacific Partnership“ e potrebbe rivelarsi il più importante accordo dalla nascita dell’Organizzazione mondiale del commercio.

Il condizionale è d’obbligo perché la convenzione (che toccherà 800 milioni di persone e interesserà il 40% dell’economia mondiale) dovrà essere prima ratificata nei parlamenti degli Stati membri.

“Questa storica intesa spingerà la crescita economica. Sosterrà impieghi più remunerativi. Migliorerà innovazione, produttività e competitività”, ha detto Michael Froman. “Aumenterà la qualità della vita – prosegue – ridurrà la povertà e promuoverà trasparenza, buone pratiche di governo e protezione dell’ambiente e dei diritti dei lavoratori”.

Sciolti anche gli ultimi nodi che avevano indotto in stallo i negoziatori: la questione del monopolio dei medicinali di nuova generazione per le aziende farmaceutiche, ma anche l’apertura di determinati mercati alle esportazioni di latte.

L’accordo (che per la gioia di Tokyo e Washington esclude la Cina) fissa inoltre regole relative al commercio dei dati, agli standard di lavoro – pensate a un Paese firmatario come il Vietnam – e alle risoluzione delle controversie tra Stati e investitori stranieri.