EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Migranti: Abdullah alla conquista di Berlino

Migranti: Abdullah alla conquista di Berlino
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Abdullah, 24 anni, anche lui come migliaia di migranti incarna il futuro dell’Europa. Ma il suo destino sembra già scritto. Si trova a Lesbo da un

PUBBLICITÀ

Abdullah, 24 anni, anche lui come migliaia di migranti incarna il futuro dell’Europa. Ma il suo destino sembra già scritto.

Si trova a Lesbo da un mese, ha lasciato l’Iran, attraversando il confine con la Turchia.

Dice di non avere altrenative, se non l’Europa.
Di nazionalità afghana, in Iran le possibilità di lavoro sono limitate.

Abdullah Bakhshi:

“Voglio andare in Germania e voglio portarci anche la mia famiglia”.

“Perché la Germania?”

“Perché è un Paese europeo, è il migliore dei Paesi europei”.

Il Padre di Abdullah lasciò l’Afghanistan negli anni Ottanta, nel momento cruciale dell’intervento militare sovietico.

Mohammad Bakhshi:

“Lavoro dall’alba al tramonto per mantenere la mia famiglia. Dio solo sa quanto abbiamo sofferto finora”.

Nessuno della famiglia ha la nazionalità iraniana, fattore che limita le possibilità di trovare un lavoro.
Forse anche per questo, anche se il viaggio è rischioso e pieno di incognite, nessuno ha ostacolato la partenza di Abdullah.
La sorella Leila non è riuscita a trattenere le lacrime ma anche lei sa che indietro non si può tornare:

Leila Bakhshi:

“Mi laureo entro pochi mesi, so che non potrò lavorare in Iran perché non ho un permesso. Non posso tornare in Afghanistan, perché per me donna laureata in ingegneria civile non c‘è posto. Né per viverci, né per lavorare”.

Il futuro per Abdullah si chiama Germania, ma la Germania potrebbe respingere la sua domanda d’asilo.

http://www.startribune.com/afghan-migrant-hopes-to-complete-father-s-flight-from-war/323825051/

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ilaria Salis a processo senza catene a Budapest: giudice rivela indirizzo dove sconta i domiciliari

Salis esce dal carcere: ai domiciliari in Ungheria in attesa di processo ed elezioni europee

Ungheria: la nuova opposizione guidata da Péter Magyar sfida Orbán