Troppo caldo in Europa. Disagi in Austria, Polonia e Germania

Troppo caldo in Europa. Disagi in Austria, Polonia e Germania
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Le alte temperature di questi giorni stanno creando pesanti disagi in diversi paesi europei. Particolarmente colpite Austria, Germania e Polonia, che

PUBBLICITÀ

Le alte temperature di questi giorni stanno creando pesanti disagi in diversi paesi europei. Particolarmente colpite Austria, Germania e Polonia, che hanno registrato temperature del tutto inusuali a queste latitudini.

Con picchi vicini ai 40 gradi, si gestisce la situazione per come si può.

“Non mi dica nulla, io amo il caldo. Sudo anch’io ma non mi importa”

“Abbiamo una cantina, sarebbe un deposito, ma lo abbiamo trasformato. La sera andiamo a dormire giù”.

Oltre ad arrecare disagio alla popolazione il forte caldo sta anche danneggiando il settore agricolo. In Germania per i produttori vitivinicoli si intravedono problemi.

“Mi fa male nel profondo dell’anima vedere questi grappoli piccoli e secchi. Hanno bisogno di liquidi. Accanto quest’altro trancio di vite è ormai rinsecchito”.

In Polonia, nella zona di Wroclaw dove si sono toccati 38 gradi, la compagnia elettrica ha dovuto sospendere numerose forniture per evitare il collasso del sistema. Il governo ha istituito un comitato di crisi incaricato di fronteggiare l’emergenza.

Difficoltà anche per la navigazione fluviale. A Dresda, sul fiume Elba, uno dei corsi d’acqua più frequentati dai turisti europei, il livello delle acque è al minimo storico tanto da obbligare la città a cancellare l’annuale raduno di storiche barche a vapore.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Svezia: uomo polacco ucciso davanti al figlio di dodici anni per aver rimproverato dei ragazzi

Amministrative in Polonia: agli exit poll tiene la Coalizione Civica ma è PiS il primo partito

Elezioni amministrative in Polonia: test per il governo di Tusk