EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Ministro tedesco Gabriel in visita a Tehran: Iran a operi per sicurezza regionale

Ministro tedesco Gabriel in visita a Tehran: Iran a operi per sicurezza regionale
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il mercato iraniano fa gola alla Germania, che ha inviato a Tehran il ministro dell’Economia Sigmar Gabriel per riallacciare i contatti tra i due

PUBBLICITÀ

Il mercato iraniano fa gola alla Germania, che ha inviato a Tehran il ministro dell’Economia Sigmar Gabriel per riallacciare i contatti tra i due Paesi, in previsione della revoca delle sanzioni.

In quella che costituisce la prima visita di un rappresentante di governo europeo in Iran dopo l’accordo di Vienna, Gabriel non ha mancato di rassicurare gli alleati israeliani.

“Con il recente accordo sul nucleare iraniano e tutto ciò che ne seguirà – ha detto il ministro tedesco – l’Iran è chiamato a nuove responsabilità. Abbiamo quindi posto le basi per rafforzare la sicurezza nella regione. La sicurezza di Israele è per noi di grande importanza”.

Nel ricordare che tra Germania e Iran non ci sono mai state tensioni, il ministro del petrolio iraniano, Bijan Namdar Zangeneh, ha detto che “Berlino e le imprese tedesche mostrano la volontà di aiutare l’Iran a lasciarsi alle spalle l’era della depressione”.

Per tornare a produrre petrolio come faceva un tempo, Tehran deve ammodernare le sue infrastrutture. La Germania, che è stata a lungo la prima partner commerciale dell’Iran in Europa, vede nell’apertura del mercato iraniano un’opportunità per le sue imprese nei settori della petrolchimica, dell’automazione e delle rinnovabili.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Via libera dell'Onu all'accordo sull'Iran

Macron a Berlino: dopo 24 anni un presidente francese in visita di Stato in Germania

Putin in Cina: Xi mi ha parlato della tregua olimpica in Ucraina sostenuta da Macron