Usa: cyber-attacco ai sistemi informatici, rubate 21,5 milioni di identità

Usa: cyber-attacco ai sistemi informatici, rubate 21,5 milioni di identità
Diritti d'autore 
Di Salvatore Falco
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Washington accusa Pechino degli attacchi informatici all'Office of Personnel Management

PUBBLICITÀ

Gli Stati Uniti accusano la Cina di aver compiuto il peggiore cyber-attacco della storia che ha portato al furto dei dati personali di 21,5 milioni di persone. Gli hacker hanno messo le mani sulle cartelle di tutti i dipendenti pubblici statunitensi – e aspiranti tali – compresi i loro familiari.

Il furto dei dati dalla rete dell’ufficio della gestione del personale del governo (Office of Personnel Management) sarebbe avvenuto fra il maggio 2014 e l’aprile di quest’anno.

La denuncia delle autorità di Washignton segue gli attacchi contro i computer della United Airlines, della borsa di New York e del sito web del Wall Street Journal. Il presidente Obama ha ammesso, nel recente passato, che ci sono “vulnerabilità significative” nei sistemi informatici americani.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, l'ex vicepresidente Pence: "Io contro l'isolazionismo, dobbiamo sostenere gli alleati"

Trump a processo, morto l'uomo che si è dato fuoco davanti al tribunale di New York

Usa, un agente di polizia e un vicesceriffo muoiono in una sparatoria nello Stato di New York