EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Ghana: esplosione in una stazione di servizio, almeno 90 morti

Ghana: esplosione in una stazione di servizio, almeno 90 morti
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Sono almeno 90 le vittime della deflagrazione in una stazione di servizio ad Accra, capitale del Ghana. In molti hanno trovato la morte nel tentativo

PUBBLICITÀ

Sono almeno 90 le vittime della deflagrazione in una stazione di servizio ad Accra, capitale del Ghana. In molti hanno trovato la morte nel tentativo di ripararsi dalle piogge torrenziali. All’origine dell’esplosione c‘è probabilmente una perdita di carburante. Oltre al distributore di benzina, avrebbero preso fuoco alcuni edifici vicini. Difficili le operazioni di soccorso, ostacolate dalle inondazioni. Il presidente del Ghana ha promesso “misure di prevenzione” per evitare futuri allagamenti, un problema serio durante la stagione delle piogge.

“Questa perdita di vite umane è catastrofica, senza precedenti. Le autorità cittadine e i servizi di emergenza continueranno a fare il loro lavoro, ma dobbiamo fare in modo che non accada più”, ha detto il presidente John Dramani Mahama.

Floods: We must make sure this doesn’t happen again – Mahama http://t.co/i7sSSJ9ukM#JoyNewspic.twitter.com/YujksskgoB

— Joy FM 99.7 | Ghana (@Joy997FM) 4 Giugno 2015

Almeno una decina di persone sono state ricoverate in ospedale. Il bilancio delle vittime potrebbe aggravarsi, secondo gli operatori sanitari. Le piogge torrenziali sono destinate a continuare, dicono gli esperti. Intanto hanno già lasciato molte persone senza casa e senza l’elettricità.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ghana, 26mila sfollati nell'est a causa delle inondazioni

Esplosione di Suviana, trovato il corpo del terzo disperso: i morti salgono a sei

Ucraina, 27 i morti nel bombardamento di Donetsk: Kiev nega l'attacco