EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Egitto, al via summit economico. 12 miliardi di dollari di aiuti da tre Paesi del Golfo

Egitto, al via summit economico. 12 miliardi di dollari di aiuti da tre Paesi del Golfo
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Rafforzare gli investimenti in Egitto e supportare il presidente Al Sissi che due anni fa, con un colpo di Stato, mise fine al governo dei Fratelli

PUBBLICITÀ

Rafforzare gli investimenti in Egitto e supportare il presidente Al Sissi che due anni fa, con un colpo di Stato, mise fine al governo dei Fratelli Musulmani. Con questi obiettivi a Sharm El Sheik il governo egiziano ha aperto un summit economico di 3 giorni.

Secondo fonti locali, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Kuwait avrebbero già annunciato aiuti e investimenti nel Paese per un totale di 12 miliardi di dollari. Al vertice presenti delegazioni di 80 paesi tra cui il premier Matteo Renzi , il segretario di Stato americano John Kerry e Christine Lagarde, numero uno del Fondo Monetario Internazionale.

“Vogliamo ottenere il meglio da questa conferenza, dice l’Ambasciatore della Costa d’Avorio, per l’Egitto, per un grande paese, un paese che può giocare un ruolo fondamentale in Africa”.

Ottimisti anche gli imprenditori presenti: “Abbiamo molta fiducia in questo summit, era necessario ritrovarci qui in Egitto, siamo disposti a pianificare quanto promesso, affinché le parole si trasformino in realtà”

Una tre giorni di lavori e incontri che per molti è una vera e propria rivoluzione economica, sottolinea Mohammed Shaikhibrahim il nostro inviato a Sharm El Sheik. Numerosi i progetti economici proposti e numerosi i paesi coinvolti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Kenya, il presidente Ruto ritira la legge che avrebbe aumentato le tasse

A Mario Draghi il premio europeo Carlos V, "L'Europa non sia passiva se prosperità minacciata"

L'Europa che voglio: politiche economiche, cosa farei da europarlamentare