Rilasciata esponente delle Nazioni unite rapita in Centroafrica

Rilasciata esponente delle Nazioni unite rapita in Centroafrica
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Era stato il secondo sequestro in due giorni. Per il primo rivendicazione delle milizie di "anti-balaka".

PUBBLICITÀ

“Abbiamo ottenuto la liberazione della dipendente Onu. La riconsegnamo ai soldati francesi”. Sono le parole, che fanno tirare un sospiro di sollievo per la donna rapita martedì mattina nella Repubblica Centrafricana.

A pronunciarle Igor Lamaka, portavoce di anti-balaka. E che farebbero, dunque, pensare che non ci fosse direttamente il movimento animista dietro il sequestro.

A differenza di quello, compiuto lunedì, ai danni di una suora francese e di un prete centrafricano, che era stato direttamente rivendicato dai guerriglieri, che chiedono il rilascio di uno dei loro leader, arrestato domenica.

Il Paese è nel caos dal 2013, quando gli ex ribelli di Seleka, in maggioranza musulmani, hanno preso il potere, rovesciando il presidente François Bozize.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: l'Unrwa cessa le attività nel nord della Striscia, rifiutato il piano di Netanyahu

Gaza: il Wfp annuncia sospensione aiuti alimentari nel nord della Striscia

Maxi sequestro di cocaina in Spagna, otto tonnellate nascoste in un finto generatore elettrico